Caritas: “Chi si professa Cristiano deve accogliere”. L’invito da Mariano sul bollettino della Comunità pastorale San Francesco.

Caritas: “Chi si professa Cristiano deve accogliere”

I numeri, e non solo, della Carità nell’anno appena trascorso.
Sono stati spesi in totale 44.425 euro, contributi per affitti euro 1.349, bollette gas – enel – acqua – raccolta rifiuti euro 12.578, buoni spesa (Coop Mariano) euro 4.502, farmaci o cure, visite specialistiche euro 1.681, trasporti pubblici euro 547,  aiuti a favore di minori euro 2.400 (spese scolastiche-mensa-asili-frequenza oratorio estivo), emergenze di varia natura euro 21.366, (acquisto viveri particolari,latte e pannolini, riparazioni, allestimento e montaggio arredi ). Sono stati distribuiti 1.327 pacchi viveri. Sono passate dalla Segreteria 1.991 persone : gli italiani sono il 40 % e gli stranieri il 60 %.

La mission

“Accogliere-Proteggere-Promuovere-Integrare”. “Sono queste le quattro azioni concrete suggerite dal Papa nel suo Messaggio per la Giornata della Pace, parole che chiunque si professi Cristiano non può certo ignorare, che, mentre mostrano il cuore della Caritas, danno significato e vanno anche molto oltre i numeri del prospetto che riassume il lavoro di un anno intero – dicono sulla Voce – Raccontano del tanto tempo speso ad ascoltare e condividere disagi di ogni tipo, delle parole di incoraggiamento, dei sorrisi che ricevi quando ti occupi di un ammalato in ospedale che non ha nessuno o fai innumerevoli viaggi con un bambino che necessita di terapie particolari e continuative; e poco importa se si tratta di cittadini italiani o del mondo, in ognuno di loro è presente Gesù, lo sappiamo bene. Ma proprio questa è la Caritas di una Comunità che crede, che si sforza di andare incontro a tutti senza essere mai contro
nessuno, nemmeno contro chi non ne condivide lo spirito”.

Leggi anche:  Mensa e scuolabus al via le iscrizioni

L’accoglienza

Continuano: “A completare il prospetto annuale vogliamo segnalare che la Tantum Aurora, con le nostre Suore (oltre all’accoglienza delle 4 famiglie di Migranti) ha potuto aiutare nella casa Beretta Molla 20 persone (9 adulti e 11 minori) e negli appartamentini in convenzione 14 persone (7 adulti e 7 minori). Continua anche instancabile ’attività del gruppo Cura, della Sartoria Solidale e del Guardaroba come anche il lavoro del ritiro mobili ed elettrodomestici usati per poi ridistribuirli; ma Caritas è anche quel gruppo di Coscritti che da anni periodicamente raccoglie fondi e segue situazioni particolarmente complicate. Ma Caritas è anche un gruppo di ragazzi entusiasti che, guidati da don Alessandro, vende panettoni fuori dalle nostre chiese; che bello! Sono proprio questi piccoli gesti che aprono alla speranza per una Comunità più solidale. BUON ANNO A TUTTI Tutto, sempre, nel nome del Signore !!! GRAZIE di CUORE a TUTTI”.