Colonna di fumo si alza dalla discarica

Torna il fumo a far scattare l’allarme all’impianto di smaltimento rifiuti di via del Radizzone a Mariano Comense. Non c’è nemmeno il tempo di archiviare il rogo, a buona ipotesi doloso, di qualche settimana fa che oggi, domenica mattina, una nuova colonna di fumo si è alzata dalla collina di rifiuti. Già si parlava  di combustione che andava avanti da alcuni giorni. I Vigili del Fuoco, allertati, sono intervenuti sul posto. Sono ora in corso tutte le verifiche del caso. Dai residenti si sottolinea ancora la preoccupazione di essere di nuovo di fronte alla discarica che brucia e a nuova puzza che si diffonde nell’aria.

Sul posto già il sindaco Giovanni Marchisio e il vicesindaco Fermo Borgonovo.

 

Il precedente: cronaca del rogo del 3 febbraio

Per l’episodio di qualche settimana fa l’Amministrazione Marchisio aveva diffuso un comunicato che ricostruiva i controlli effettuati dopo l’incendio in discarica.

“Nella notte tra venerdì 2 e sabato 3 febbraio, alle ore 2,20 squadre del Comando Provinciale dei VV.F. di Como e del Comando limitrofo di Milano sono intervenute presso la discarica comunale di Cascina Setuzzi gestita in concessione dalla Società Ambiente Futuro srl a seguito dello svilupparsi di un incendio sul fronte di coltivazione della discarica dove sono ripresi i conferimenti di rifiuti dallo scorso mese di dicembre 2017.
Gli stessi VV.F. allertavano ARPA e i Carabinieri di Mariano C.se che giungevano sul posto, oltre alle Autorità Locali ed il gestore dell’impianto”.

Era intervenuta l’Arpa

“ARPA, già prima dell’alba procedeva ad eseguire alcune misure speditive con strumentazione portatile nell’intorno della discarica e in prossimità di alcuni nuclei abitati, riscontrando in tutti i casi valori di inquinanti sotto soglia. In seguito procedeva all’installazione di un campionatore ad alto volume presso il Centro Sportivo di via per Cabiate per la misurazione di eventuali inquinanti nell’ambiente. La rilevazione di questi parametri continuerà anche nei prossimi giorni. Alle prime luci dell’alba le Autorità presenti chiedevano anche l’intervento dell’Agenzia di Tutela della Salute dell’Insubria che si recava sul posto”.

Leggi anche:  Lotta alla criminalità tutto il lavoro della Guardia di Finanza

Il Comune aveva assicurato: “Nessun allarme per l’inquinamento dell’aria”

“Le Autorità presenti ritenevano di ripetere anche nel pomeriggio le misure speditive già eseguite all’alba nell’intorno della discarica e in prossimità di alcuni nuclei abitati che anche in questo caso confermavano l’assenza di valori inquinanti.
Attorno alle ore 17.30 l’incendio aveva termine e le quadre dei VV.F. presenti sul posto lasciavano l’impianto.
Nella notte successiva durante le operazioni di movimentazione e smassamento del materiale interessato precedentemente dall’incendio era necessario un nuovo intervento dei VV.F. a causa di una ripresa della fiamme. I VV.F. rimanevano presenti nell’impianto di discarica fino alle ore 17,00
del giorno 05.02.2018.
Sempre in data 5 febbraio 2018 il Sindaco del Comune di Mariano C.se presentava denuncia dell’accaduto ai Carabinieri di Mariano C.se”.

 

Il video di stamattina

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU