E’ scomparso il gatto Freccia Arosio si mobilita. Continuano le ricerche per Freccia, il gatto bianco e grigio che è scomparso il 4 dicembre ad Arosio in via Corridoni. I suoi padroni non vogliono perdere la speranza, anche se ogni giorno che passa le ricerche si fanno più difficili. Ogni segnalazione può fare la differenza.

E’ scomparso il gatto Freccia Arosio si mobilita

Appena adottato, non conosce la zona, ed è molto impaurito dalle persone che non conosce, potrebbe essersi nascosto ovunque, cantine, box, sottoscala, si chiede cortesemente di controllare accuratamente. Ha bisogno di cure veterinarie. In caso di avvistamento non tentate di prenderlo, contattate subito il numero 347-7985008 o ‭347 1607858.

La sua storia. Quando i cuccioli crescono…

Da piccolo era uno splendido batuffolino quasi tutto bianco, nato in una bella casa, con un bel giardino, i bambini di casa erano pazzi di lui, e quando si stancavano lo lasciavano in giardino con la sua povera mamma, ormai anziana, e stanca di partorire cuccioli che poi finivano chissà dove… Ma lui era particolarmente bello e simpatico, pertanto gli è stato concesso di restare in famiglia e di entrare in casa.
I cuccioli però crescono, il bianco della loro pelliccia a volte si scurisce, e imparano anche a difendersi quando i bambini sono poco rispettosi. L’interesse della famiglia cala, lui continua a crescere, diventa un bel gattone che poco a poco comincia ad allontanarsi sempre più spesso in cerca di gattine.

Dal calduccio di casa al freddo dell’inverno

E così il batuffolino bianco è cresciuto, la famiglia non è interessata a questo gattone che torna a casa sempre pieno di ferite, e per evitare che continui a marcare il territorio smette anche di lasciargli cibo. Tanto si sa, i gatti si arrangiano da soli…
Ma non è così. I gatti non sempre se la cavano bene da soli, soprattutto se sono cresciuti in casa e all’improvviso una casa non ce l’hanno più. Una nostra volontaria, Silvia Tozzi, che abita nei paraggi si è accorta di questo micio in difficoltà, sporco, magro, affamato e sempre pieno di ferite, e ha deciso di aiutarlo. Lui non si fidava più delle persone, troppe volte è stato scacciato da casa sua, e chissà quanto grande è stata la sua delusione quando invece delle coccole hanno cominciato ad arrivare le urla, dal calduccio di casa è passato al freddo dell’inverno senza neanche una cuccia, e dalla ciotola piena si è trovato a dover rubacchiare cibo dove capitava…ci è voluto tempo per riconquistarlo; è stato ribattezzato Freccia perché schizzava via velocissimo se la volontaria cercava di avvicinarlo, e il suo vecchio nome, Pippo, non gli apparteneva più…

Leggi anche:  Bambino morto ad Arosio: non ce l'ha fatta il piccolo Giuseppe

Una volontaria dell’Enpa conquista la sua fiducia

Con pazienza e costanza Freccia ha cominciato di nuovo a fidarsi delle persone, si è trasferito nel giardino della volontaria, è stato curato, sterilizzato ed è diventato uno splendido gattone, affettuoso e socievole.
Ma si sa che alcuni individui nascono più sfortunati di altri: lui pensava di aver trovato una nuova famiglia, e anche Silvia avrebbe voluto accoglierlo in casa insieme ai suoi 4 gatti, ma non è semplice far accettare un nuovo arrivato in un gruppo di gatti già consolidato, che vede come un intruso il nuovo arrivato, e a volte risulta impossibile.
Con enorme dispiacere Silvia ha dovuto prendere la decisione di cercargli una nuova famiglia, per il benessere dei suoi gatti, molto stressati dalla presenza di Freccia, ma soprattutto per Freccia stesso, che ha tanta voglia di avere finalmente una casa e una famiglia, un posto sicuro dove sia benvoluto e amato come merita.

Ha bisogno di cure veterinarie

Come purtroppo temevamo, gli esami del sangue effettuati in canile hanno confermato che durante la sua vita randagia Freccia ha contratto la FIV, ovvero l’HIV felino, malattia che colpisce solo il gatto e che non contagia né gli esseri umani né gli altri animali, purché non siano felini. I gatti affetti da FIV (solitamente presa tramite un morso profondo durante un litigio tra maschi non sterilizzati) possono vivere una vita lunga, sana e relativamente normale, senza mostrare alcun sintomo di malattia, hanno le difese immunologiche più basse quindi vanno solo seguiti con un po’ più di attenzione Ma essere FIV positivo riduce purtroppo ulteriormente le sue possibilità di adozione, in quanto si sa, le malattie spaventano, anche se Freccia al momento è assolutamente asintomatico, non necessita di alcuna terapia, e potrebbe tranquillamente stare bene fino a vecchiaia.
Ormai aspetta da tanto e noi speriamo con lui che la sua occasione arrivi presto. È un micio dal passato difficile che quindi ha bisogno che la sua nuova famiglia sia paziente con lui, ma chi lo conosce bene sa quanto può essere tenero e affettuoso, divertente e un po’ matto, ma soprattutto quanta voglia abbia di trovare finalmente la sua vera casa…