Forza Nuova espone un Tricolore in gabbia

Forza Nuova protesta per gli attacchi subiti

Nella serata di ieri, i militanti di Forza Nuova hanno esposto nelle piazze di tutta Italia, tra cui a Como e Cantù, un tricolore imprigionato all’interno di una simbolica gabbia. Il gesto è emblematico, secondo i promotori, dell’attacco internazionalista contro i movimenti patriottici ed in particolar modo contro le attività di Forza Nuova.

Le parole del segretario nazionale

“Il sistema, ormai smascherato nelle sue chiare intenzioni anti-nazionali, tenta di reagire con leggi ‘orwelliane’, come la legge Fiano. Oppure con la campagna di diffamazione sistematica portata avanti da De Benedetti e dal suo gruppo Espresso/Repubblica” ha dichiarato Roberto Fiore, segretario nazionale di Forza Nuova. “A ciò si aggiungono le gravi menzogne del ministro dell’Interno Minniti, che in Parlamento assimila contravvenzioni a reati. Oppure quelle del capo della polizia Gabrielli, che afferma, senza vergogna, che la lecita attività politica di Forza Nuova sarebbe più grave degli atti terroristici”.

Leggi anche:  Violenza sessuale in manette un uomo

Le critiche al sistema e lo sciopero della fame

“È in questo quadro – continua quindi Fiore – che dobbiamo comprendere i motivi della carcerazione dei militanti che a Roma hanno difeso le famiglie italiane dagli sfratti di Virginia Raggi. Giuliano Castellino da tre giorni è in sciopero della fame per urlare con forza contro il silenzio che i media impongono sulla carcerazione dei patrioti e sulle battaglie intraprese dal Movimento nei quartieri romani, e divampate in tutta Italia, dove diritti sociali e resistenza nazionale hanno unito il popolo contro il sistema”. Fiore ha quindi concluso: “A fronte di questo, è chiaro che sia l’Italia ad essere attaccata, massacrata e umiliata da una classe politica venduta a Bruxelles. Per cui, questa forte reazione repressiva antifascista punta ad abbattere l’ultimo baluardo in difesa della nazione: Forza Nuova. Non ci riuscirannoe presto le sbarre che tengono imprigionati i patrioti forzanovisti cadranno, lasciando di nuovo l’Italia libera di combattere per il proprio futuro”