Scoppia l’allarme randagismo. Molti cani, portati dal sud Italia, sono stati accalappiati al nord. Dopodichè sono stati trasferiti nei canili sanitari e successivamente nei rifugi brianzoli.

L’associazione “Amici del Randagio”

L’associazione Amici del Randagio cura, salva molti animali e gestisce i canili di Erba e Mariano Comense. Marco Folloni, responsabile dell’associazione, denuncia questa pratica vergognosa. Gran parte di questi animali sono malati, quindi vanno accolti inizialmente nei canili sanitari delle ATS per essere curati. Tutto ciò comporta, però, il trasferimento delle malattie endemiche nel territorio comasco.

Tanta fatica per niente

Il Codacons: “Dopo tutto l’impegno degli ultimi anni, con l’introduzione del microchip, aveva fatto diminuire il fenomeno del randagismo. Tuttavia, questa nuova “pratica” rischia di inficiare il buon lavoro effettuato. La Lega nazionale “Difesa del cane” parla di una vera e propria emergenza, che si sta allargando anche al milanese e nel lecchese.  Si è deciso di effettuare un esposto alla Procura della Repubblica affinchè vengano identificati i responsabili”.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU