Conciliazione avvenuta all’incontro in prefettura fra sindacati e Comune di Como sulla questione mense Como.

Mense Como: “Il Comune farà uno studio di fattibilità sul punto unico di cottura”

“Al Prefetto – spiega Alessandra Ghirotti, segretaria provinciale Fp Cgil – abbiamo ricostruito la vicenda e segnalato le 1600 firme raccolte fra lavoratrici e cittadini per evitare l’esternalizzazione, salvaguardare il personale a tempo determinato, convocare un’assemblea tematica, verificare la fattibilità del centro unico di cottura e spostare l’appalto per la concessione in esterna all’anno scolastico 2019 – 2020″.

La conciliazione è andata a buon fine grazie ad alcune aperture ottenute dal Comune: “L’amministrazione – continua Ghirotti – sulle cucine di via Fiume e via Montelungo è tornata sui suoi passi e noi abbiamo apprezzato. Inoltre, c’è l’impegno da parte del Comune a realizzare entro il 31 dicembre uno studio di fattibilità per il punto di cottura in via Napoleona. Inoltre, l’appalto sarà triennale, quindi temporaneo e non definitivo. Inoltre, c’è l’impegno verso chi ha il contratto a tempo indeterminato, che resterà sempre dipendente dell’ente e verso cui sono stati scongiurati i rischi di esuberi”.

Leggi anche:  Striscione di Forza Nuova contro la Cgil

Per chi, invece, è assunto a tempo determinato sarebbe prevista una clausola nella futura gara di appalto (prevista per maggio), concordata con i sindacati, che preveda un invito alle ditte partecipanti di utilizzare il personale a tempo determinato non più in servizio.

Approfondimenti sul tema

Svolta Civica: “L’assessore porti il bando in Consiglio comunale”

Prc e Potere al Popolo: “Privatizzazione a spese di lavoratori e famiglie”

Sindacati e genitori sul piede di guerra

Raccolta firme per un appello al sindaco

I sindacati organizzano un’assemblea pubblica

Verso l’esternalizzazione: “A casa una cinquantina di precari”

Verso il centro unico? Rapinese: “Hanno fumato troppo”

La proposta del centro unico di cottura