Omicidio Molteni: chiesti vent’anni per Daniela Rho

E’ stata questa la pena finale richiesta dal pubblico ministero Pasquale Addesso per l’ex moglie di Alfio Molteni, l’architetto freddato davanti alla sua abitazione a Carugo il 14 ottobre 2015.  Oggi di fronte al giudice Carlo Cecchetti la Rho non si è presentata. L’udienza si è svolta a Como a porte chiuse. Sedici gli anni chiesti invece per Giuseppe De Martino.

La presunta mandante

E’ stato analizzato il ruolo della Rho, accusata dalla Procura di essere la mandante del delitto Molteni.  La donna ha scelto il rito abbreviato, seguita dall’avvocato Giuseppe Sassi di Como.
Proprio il rito abbreviato potrebbe portarla, in caso di condanna, allo sconto di un terzo della pena, già conteggiato nei 20 anni chiesti da Addesso.

Milioni in risarcimento alle parti civili

Alle conclusioni del pubblico ministero, sono poi seguite le richieste delle parti civili.
Per il fratello di Molteni, Romeo Molteni e per il padre Alceo l’avvocato Ivana Anomali ha chiesto un risarcimento di un milione di euro per entrambi complessivamente. I difensori delle due figlie della Rho e di Molteni hanno chiesto invece un risarcimento di un milione di euro a testa; mentre per il figlio di primo letto di Molteni e per la prima sua ex moglie il risarcimento richiesto si aggirerebbe intorno a un milione e 500mila euro.