Ieri, venerdì 6 aprile 2018, è andata in scena un’altra giornata del processo per l’omicidio Molteni.

Omicidio Molteni: le richieste di risarcimento delle parti civili

In Tribunale a Como questa volta la parola è degli avvocati che rappresentano le parti civili coinvolte nella vicenda: le figlie di Molteni, la prima moglie, il padre e il fratello dell’architetto ucciso, il figlio primogenito. Le accuse sono molto pesanti così come i risarcimenti richiesti, risarcimenti che complessivamente toccano quasi gli 8 milioni di euro.

Nello specifico dagli avvocati sono stati chiesti per il figlio primogenito Federico Molteni per il danno morale un milione e 500mila euro e un altro milione e 500mila euro per i danni patrimoniali. Per Antonia Badan, prima moglie e madre del primogenito la richiesta di risarcimento è invece di 500mila euro.

Anche da parte del curatore speciale delle due figlie che Alfio Molteni ha avuto con Daniela Rho è stato chiesto un risarcimento. In via provvisionale per entrambe chiede 3 milioni di risarcimento da Brivio e Scovazzo e 400mila euro da Terrenghi.

Leggi anche:  Discarica Mariano: il Movimento 5 Stelle spiegherà le ragioni dell'esposto

L’avvocato del padre e del fratello di Alfio Molteni ha invece chiesto in via provvisionale un risarcimento di un milione di euro complessivi.

Ulteriori approfondimenti

Le richieste di condanna per Brivio, Scovazzo e Terrenghi VIDEO

Dopo la sentenza le parole del fratello Romeo. VIDEO

La sentenza per Daniela Rho e le richieste di condanna per Brivio, Scovazzo e Terrenghi 

La mamma di Daniela Rho: “Non lo voleva morto, solo qualche scherzetto”