Pool Libertas sconfigge Ortona.

Pool Libertas sfata il tabù Ortona

Con un gioco in crescendo, il Pool Libertas Cantù batte la Sieco Service Ortona per la seconda volta nella sua storia. Lo fa con il punteggio di 3-1, e mette 6 punti di distanza dagli stessi ortonesi in classifica.

Le formazioni

Coach Cominetti schiera la stessa formazione che ha battuto la Caloni Agnelli Bergamo e la Gioiella Micromilk Gioia del Colle, cioè Mirko Baratti in regia, Caio opposto, Roberto Cominetti e Ricardo schiacciatori, Dario Monguzzi e Gabriele Robbiati centrali, e Luca Butti libero. L’assenza annunciata di Milan Bencz in casa Sieco Service Ortona viene sopperita
da Ivan Zanettin opposto ad Andrea Lanci, con Frantisek Ogurcak e Giuseppe Ottaviani in banda, Michele Simoni e Michael Menicali al centro, e Giovanni Provvisiero libero.

Il primo set

A inizio primo set è il Pool Libertas a portarsi avanti di 3 punti grazie a due attacchi di Cominetti (6-3), ma due invasioni del muro canturino riportano Ortona in parità a quota 7. Un attacco di Zanettin toccato in difesa da Butti lancia gli ospiti avanti, e Coach Cominetti ferma subito il gioco (7-9). Un attacco di Roberto Cominetti chiude il maxi parziale esterno (8-11). L’Impavida continua a battere bene, e il vantaggio ospite aumenta (8-14). Il set prosegue con le squadre che lottano palla su palla, ma i canturini non riescono a ricucire lo strappo. Chiude un attacco di Zanettin non tenuto in difesa (17-25).

Il secondo set

Il secondo set si apre come si era chiuso il primo, ovvero con le due squadre a lottare palla su palla. Il primo doppio vantaggio è esterno (5-7), ma il Pool Libertas non lascia scappare gli avversari. Un muro a uno di Ricardo su Zanettin ed è parità a quota 10. Lo stesso schiacciatore brasiliano e Robbiati mandano i canturini avanti, e Coach Lanci ferma il gioco (13-11). Due attacchi di Ogurcak ed il punteggio è ancora pari (13-13). Caio riporta i suoi in vantaggio con tre attacchi consecutivi (20-17), e Coach Lanci chiama il suo secondo time-out discrezionale. Al rientro in campo il Pool Libertas riesce ad aumentare il suo distacco (22-17), ma Ortona rosicchia qualche punto costringendo Coach Cominetti a fermare il gioco (22-20). Roberto Cominetti attacca out una pipe e il Coach canturino chiama il suo secondo time-out discrezionale in breve tempo (23-22). Sono due attacchi di Ricardo a consegnare il set ai suoi (25-23).

Il terzo set

A inizio terzo set è la Sieco Service ad andare avanti con un muro di Menicali su Cominetti (4-7). Due muri di Ricardo e Monguzzi ed è parità (8-8). Le due squadre lottano punto su punto, poi inizia il Caio-show: 3 attacchi e un muro su Ottaviani, e costringe Coach Lanci a fermare il gioco (16-13). Al rientro in campo, Ogurcak e Ottaviani guidano l’Impavida al sorpasso (16-17). Sono due ace, uno di Capitan Monguzzi e uno di Ricardo a spezzare la parità, e Coach Lanci decide di parlarci su (22-20). Lo schiacciatore brasiliano continua a martellare dai 9 metri, ed è un suo ace a chiudere il set (25-20).

Leggi anche:  Pool Libertas verso la sfida contro Gioia del Colle

Il quarto set

Nel quarto set i brasiliani di Cantù prendono subito il doppio vantaggio, difeso poi con le unghie e con i denti da tutta la squadra. Due muri consecutivi di Simoni riportano il punteggio in parità (9-9). Caio martella dai 9 metri ed è di nuovo vantaggio Pool Libertas, con Coach Lanci a fermare il gioco (12-9). La strepitosa serie in battuta dell’opposto brasiliano continua, e Ricardo finalizza quanto creato dal suo connazionale (16-9). Coach Lanci prova il doppio cambio di Sitti e Tartaglione per Lanci e Zanettin, e Ortona riesce a rosicchiare qualche punto. Caio è scatenato, e mette a terra tre attacchi consecutivi per riportare i suoi avanti di 8 (21-13). Una battuta out di Ottaviani consegna il primo match point ai canturini. È un’invasione del muro ortonese a consegnare set e partita al Pool Libertas (25-15).

Le parole dell’allenatore

Queste le parole di Coach Cominetti a fine partita: “Un gioco in crescendo da parte nostra. Siamo partiti un po’ tesi, e loro sono stati bravi al servizio, ci hanno fatto faticare molto. Noi non siamo stati attenti nelle nostre scelte a muro, in difesa abbiamo raccolto poco, e loro hanno avuto ragione. Però, nonostante la fatica nei set successivi, abbiamo macinato il nostro gioco, ma non quello che abbiamo espresso nelle ultime settimane. Questo fa ben sperare perché la squadra è rimasta attaccata al risultato fino alla fine, è riuscita a recuperare situazioni difficili fino alla chiusura del quarto set dove siamo riusciti a prendere il largo. Oggi i tre punti sono oro, perché con questa squadra il Pool Libertas ha sempre
fatto molta fatica”.