Tornano i furbetti del cartellino a Como. Una dipendente di Palazzo Cernezzi è infatti stata licenziata.

Dipendente licenziata dal Comune di Como

La dipendente era in servizio all’Ufficio relazioni con il pubblico e martedì le è stata comunicata la cessazione dell’incarico. Il motivo? Secondo l’Amministrazione la donna avrebbe omesso di timbrare il cartellino in diverse occasioni oltre che di essersi presentata fuori orario.  Appurati i fatti, l’amministrazione di Como ha deciso di applicare la recente normativa introdotta dal governo Renzi che prevede il licenziamento in tronco di fronte ai furbetti del cartellino. Si tratta del secondo caso nell’Amministrazione lariana dopo il primo che era avvenuto a gennaio.

Ora la palla passa alla dipendente che potrà presentare ricorso ed eventualmente contestare le accuse mosse da Palazzo Cernezzi.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU