A partire dal pomeriggio di ieri e fino a notte inoltrata, nell’ambito di un servizio coordinato dalla Compagnia Carabinieri di Cantù, i militari dell’Arma hanno svolto un servizio di prevenzione e repressione dei reati predatori in genere e più in particolare dell’annoso fenomeno dei furti in abitazione. Impiegato un elevato numero di risorse sui territori di Cantù, Appiano Gentile, Fino Mornasco, Lomazzo, Lurate Caccivio e Mozzate.

Controllate oltre 200 perone

Ci si è focalizzati in particolare sui furti in abitazione. Inoltre ono stati svolti capillari servizi di controllo alla circolazione stradale, concentrati in particolar modo sulla repressione della guida sotto l’influenza di sostanze alcoliche. Il tutto in un’ottica di monitoraggio, controllo e presidio delle più importanti vie di comunicazione dell’area saturata. Il controllo capillare del territorio ha consentito di esprimere un esito operativo di assoluto rilievo, con il controllo di oltre 200 persone, oltre 130 mezzi con conseguenti sanzioni amministrative.

Sostanze stupefacenti

Tre persone sono state segnalate come assunturi per  25 grammi circa di sostanza stupefacente sequestrata del tipo cocaina, hashish e marjuana. C’è stata poi una denuncia per guida sotto l’influenza di sostanze stupefacenti. E ancora, tre patenti ritirate per violazioni al codice della strada (guida con patente scaduta e circolazione con autovettura sottoposto a sequestro).

Rubano i pneumatici

Nel primo caso, la Stazione Carabinieri di Cantù, all’esito di un’approfondita attività info-investigativa, ha denunciato in stato di libertà per il reato di furto aggravato F.G., trentasettenne di Cucciago, e C.G., canturino trentaseienne, e per il reato di ricettazione T.F., residente nella provincia di Monza Brianza, classe 1960. A supposto del deferimento, un furto di pneumatici avvenuto in data 22 novembre scorso presso la Stazione ferroviaria di Cantù, a discapito di un privato cittadino che aveva parcheggiato la propria autovettura nel piazzale della Stazione. Individuati gli autori e anche a refurtiva pronta ad essere reimmessa sul mercato attraverso la vendita in un mercatino dell’usato (bancarella di proprietà di T.F.).

Leggi anche:  Incidente Argegno SIRENE DI NOTTE

Furto a Cassina Rizzardi

L’ultimo evento degno di nota, infine, riguarda l’attività investigativa della Stazione Carabinieri di Fino Mornasco che ha portato alla denuncia in stato di libertà di E.N, varesino classe 1978, il quale si è reso responsabile di furto aggravato in danno di un’edicola sita all’interno di un centro commerciale di Cassina Rizzardi, avvenuto lo scorso 17 novembre. Singolare l’episodio: E.N., attraverso uno stratagemma consistente nell’utilizzo di un oggetto di alluminio a forma di alluminio, era riuscito ad eludere il meccanismo di giocata delle slot machine effettuando diverse giocate senza sborsare denaro. Gli accertamenti dai militari della Stazione di Fino Mornasco hanno consentito di raccogliere elementi a carico di E.N. che è stato deferito in stato di libertà.