Oggi è stata comminata la condanna rispettivamente di anni 5 a D. M. e anni 3 e mesi 6 a M.G., i due piromani arrestati dai Carabinieri Forestali del Gruppo di Como il 20 aprile 2017.

Avevano appiccato un incendio a San Siro

I due erano stati arrestati in flagranza di reato mentre appiccavano l’ennesimo incendio in comune di San Siro. Gli incendi sono stati appiccati con il semplice utilizzo di un accendino, sfruttando lo strato erbaceo del sottobosco, seccagginoso a causa della scarsità di precipitazioni che ha caratterizzato i primi mesi dell’anno corrente. Gli interventi di spegnimento, eseguiti dai Vigili del Fuoco e dai volontari Antincendio Boschivo delle comunità montane, hanno comportato anche l’impiego di Canadair ed elicotteri, oltre alle squadre a terra. Proprio la mobilitazione di uomini e mezzi sembrava essere l’obiettivo ultimo dei due incendiari che si compiacevano nell’osservarne l’operato.

Le indagini

Sono state condotte dai militari del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale di Como, delle Stazioni Carabinieri Forestali di Menaggio, Carlazzo e Gera Lario. Sono stati effettuati pedinamenti, intercettazioni telefoniche e rilevamenti satellitari che hanno permesso di ricostruire in modo preciso i movimenti dei due incendiari fino alla sera dell’arresto. Le attività di indagine coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Como, svolte tanto mediante sopralluoghi nelle aree colpite dagli incendi, quanto mediante accertamenti informatici e telematici sul materiale sequestrato, hanno permesso di ricostruire altri eventi delittuosi permettendo infine di attribuire ai due incendiari ben 11 incendi boschivi dolosi, tutti verificatisi tra il 21 febbraio ed il 20 aprile 2017 nelle zone comprese tra Menaggio e l’Alto Lario. Tutti gli elementi raccolti e dedotti hanno portato alla odierna sentenza di patteggiamento della pena.