Urla e nervi tesi ieri sera in Consiglio comunale a Erba.

Espulso il consigliere Torchio

A metà seduta c’è stato un violento diverbio tra il Presidente del Consiglio comunale Matteo Redaelli e il consigliere di opposizione Doriano Torchio del gruppo “Democrazia Partecipata”.  La miccia si è accesa quando Torchio ha sollevato dei dubbi sugli altri componenti del Consiglio comunale sostenendo che non tutti erano informati a sufficienza sui punti all’ordine del giorno. Affermazioni, queste, non gradite da altri consiglieri e in particolare da Matteo Redaelli. Quest’ultimo è stato interrotto da Torchio e i toni si sono alzati fino a quando il Presidente del Consiglio ha invitato il comandante della Polizia locale Gianmarco Giglio (presente alla seduta consiliare) ad accompagnare fuori il consigliere di minoranza che è stato espulso temporaneamente.

Seduta tesa

Dopo il diverbio, il Consiglio comunale è ripreso e Torchio ha fatto rientro in aula. Gli animi si sono surriscaldati di nuovo poco dopo quando Anna Proserpio (consigliere di “Erba primaditutto”) ha citato una frase di don Raffaele durante la discussione sulla sicurezza in città.

Leggi anche:  Rubano una felpa e scappano: giovanissime fermate e denunciate