Da oggi il Museo della Seta può dire di avere l’intera filiera della lavorazione della seta. E’ stata presentata infatti ieri pomeriggio la nuova sala per l’allevamento dei bachi.

La presidente del Museo della Seta: “Una grande opportunità”

Già lo scorso settembre, in occasione della presentazione del progetto scolastico “Per non perdere il filo”, è stata ampiamente annunciata la creazione di una sala dedicata all’allevamento dei bachi da seta. Era il tassello che mancava per proporre al visitatore del museo comasco l’intera filiera per la produzione della seta, dalla nascita del filo ad un abito confezionato.

“E’ una giornata particolare, di ricordo, che credo segni un momento importante per il Museo della Seta – ha sottolineato la presidente del Museo, Bianca Passera, – Sono onorata che la famiglia Brenna sia qui con noi per inaugurare una nuova sala proprio in onore di Giannino. Finalmente c’è la filiera intera con la sala per l’allevamento dei bachi. Non sarà solo esposizione perché offre la possibilità di didattica, di laboratori, di far vedere qual è il principio e come nasce un meraviglioso abito di seta”.

Credit Foto: Carlo Pozzoni

Leggi anche:  A design Exhibition con i vincitori del concorso allo Spazio Ratti

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU