Cantù firma del design in tutta Italia. Domani, lunedì 11 dicembre, dalle 18 alle 20, all’ordine degli architetti di Como in via Sinigaglia la conferenza “Il contributo di Cantù all’evoluzione del design in Italia.

Cantù firma del design in tutta Italia

Saranno presentati i volumi “La Selettiva del Mobile – Gio Ponti e Cantù”, con lo storico Fabio Cani e l’autore Tiziano Casartelli. La partecipazione è gratuita.

Tiziano Casartelli

Tiziano Casartelli (1957) architetto, studioso di storia del territorio brianteo. Ha dedicato saggi sulla trasformazione del paesaggio brianteo, sulla storia del lavoro nel Canturino e sulla storia del design; ha curato una serie di mostre di arte e storia del Canturino e del Comasco. Nel 2004 ha fondato Canturium, trimestrale di storia, arte e ambiente del Canturino e del Comasco, che dirige.

La Selettiva del Mobile

LA SELETTIVA DEL MOBILE 1955-1975 di Tiziano Casartelli (edizioni Canturium).

Il volume ricostruisce la storia della Selettiva di Cantù e il suo apporto al rinnovamento della produzione del mobile in Brianza.
Alla metà degli anni Cinquanta del secolo scorso, la necessità di rinnovare la produzione, ancora legata al gusto classico, spinse le autorità canturine a bandire un Concorso Internazionale rivolto ad architetti e designer di tutto il mondo.
Organizzata in stretta collaborazione con la Triennale di Milano, la manifestazione si svolse con cadenza biennale dal 1955 al 1975 e, almeno nelle sue prime edizioni, riscosse un indiscusso successo internazionale. Attraverso la ricostruzione della storia della Selettiva, questo volume segue l’evoluzione del disegno del mobile fabbricato nel Canturino e lo sviluppo del suo sistema produttivo negli anni in cui il nome di Cantù si intrecciava con quello dei maggiori designer nazionali e internazionali, da Franco Albini, Gio Ponti e Carlo Mollino a Finn Juhl e Alvar Aalto e Sergio Rodrigues.

Leggi anche:  Jerry Calà in Brianza per rivivere “Una vita da libidine” anni Ottanta