Un festival letterario che ha come tema la felicità, dona di per sé felicità. E’ il merito riconosciuto dall’assessore regionale all’Autonomia e Cultura Stefano Bruno Galli a Parolario 2018, manifestazione di letteratura e non solo alla sua diciottesima edizione, che si svolgerà dal 14 al 23 giugno a Como, coinvolgendo anche i Comuni di Cernobbio e Brunate.

TUTTE LE ANTICIPAZIONI DEL FESTIVAL

Parolario 2018: un tema coinvolgente

“Sostenuta da Regione Lombardia fin dalla sua prima edizione, questa manifestazione valorizza il patrimonio culturale lariano, le ville, la liquidità, cioè il lago – ha sottolineato il responsabile della Cultura della Regione -, ma soprattutto, in questa edizione, ha un merito di carattere scientifico, che mi coinvolge molto intimamente: il tema della felicità”. L’assessore, esperto e studioso del pensiero settecentesco, ha continuato dicendo: “E’ nel Settecento che il ‘bonheur’, la felicità si laicizza, si individualizza e diventa un elemento centrale dell’esistenza, anche della sociabilità politica, dei salotti, delle Enciclopedie, dei Caffè”.

Ma la felicità non è solo nell’esistenza, ma anche nel quotidiano

“Ecco perche’ utilizzare e rendere virtuoso il circuito di queste ville che si affacciano sul lago di Como, inanellare tutti gli appuntamenti di narrativa, scienza, filosofia, attualità, musica, cinema, storia è un merito di questa edizione di Parolario – ha sottolineato -, perché significa davvero cercare di rendere la nostra esistenza più felice, con il tentativo di portare la felicità al centro del quotidiano”.

Leggi anche:  Sere FAI d'estate 2018: gli eventi nel Comasco

Una nuova attenzione alla Regione Lombardia

“In un momento di crisi come questo, in cui avvertiamo un forte bisogno di felicità, esattamente come nel Settecento, in cui era affermato il diritto alla felicità, un’offerta culturale importante e significativa come quella di Parolario viene incontro alle nostre istanze individuali. Per tale ragione la manifestazione avrà l’attenzione di Regione Lombardia quest’anno e per i prossimi cinque anni”.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU