In occasione del convegno rivolto a genitori, educatori e insegnanti che si terrà sabato 3 febbraio alle ore 14.30  presso l’Associazione Carducci di Como, verrà presentato il progetto di prevenzione “Stop al bullismo”. Esso ha l’obiettivo di sensibilizzare e prevenire nelle scuole questo fenomeno, che spesso sfocia anche in cyberbullismo.

Stop al bullismo: i promotori

Il Kiwanis rappresentato dalla presidente, Federica Simone, e il Soroptimist Club di Como rappresentato dalla presidente, Annarita Polacchini, si sono uniti, spinti da un comune denominatore, per arginare la grave e sempre più dilagante piaga del bullismo e dell’uso non corretto delle tecnologie. Non solo fra gli adolescenti, ma
purtroppo sempre di più fra i bambini.

Ed è proprio il senso di responsabilità che ha spinto i due club di Como a condividere questo importante progetto di intervento nelle scuole, rivolgendosi alle vittime ma anche ai bulli. Obiettivo è incidere sui comportamenti, che portano anche alla solitudine e a gesti estremi.

I club finanzieranno l’attività di prevenzione svolta al contrasto del bullismo e del cyberbullismo, affidata da parte del Kiwanis ai professionisti di Cooperativa Attivamente per le scuole primarie e da parte del Soroptimist a Pepita Onlus per le scuole secondarie di primo grado.

Leggi anche:  Anselmo Galbusera (FERA): una storia di successo. Intervista all’imprenditore

Le scuole coinvolte

Saranno coinvolte otto classi delle scuole primarie e quindici classi di quelle secondarie di primo grado. Gli istituti coinvolti per le scuole primarie sono IC Cermenate, IC Olgiate Comasco, IC Lago e IC Rebbio. Per le scuole secondarie sono IC Don Milani di Perticato-Mariano Comense, IC Cernobbio, IC Rebbio, IC Como Lago, IC Menaggio, IC Cantù 1, IC Como-Albate e IC della Tremezzina. Il progetto coinvolgerà quindi circa 550 studenti dell’intera provincia.

La presentazione

Sabato 3 febbraio saranno presenti alla presentazione del progetto, oltre alle presidenti dei due club, Adriana Battaglia (referente scientifica del progetto europeo “I am not scared” ed esperta del disagio giovanile), il Questore di Como, Giuseppe De Angelis, il Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato, Ilaria Serpi, la formatrice di Cooperativa Attivamente onlus – Como, Valerie Moretti ed il presidente di Pepita onlus – Milano, Ivano Zoppi.