In Consiglio comunale il Pd continua a chiedere se la Giunta Landriscina sosterrà l’edizione 2018 del festival Intrecci di Popoli.

Intrecci di popoli: ci sarà l’edizione 2018?

A maggio 2018, come di consueto dal 2013, dovrebbe tenersi la sesta edizione di Intrecci di popoli, festival delle culture, dei gemellaggi e della cooperazione internazionale. Ogni anno per due settimane gli incontri, le iniziative culturali e di intrattenimento, i momenti ludici e gastronomici, l’animazione per bambini animavano la città. Ad organizzarlo il Comune di Como con il Centro servizi per il volontariato e la Diocesi.

“Si tratta di un momento speciale e importante, soprattutto per il momento storico in cui viviamo, nel quale si sente sempre più parlare di divisioni, di odio, di contrapposizioni piuttosto che di amore, di amicizia, di sostegno reciproco”, spiega Patrizia Lissi, consigliere comunale del Pd.

Proprio quest’ultima in diverse occasioni da novembre ad oggi ha chiesto in sede di Consiglio comunale se la nuova Amministrazione fosse intenzionata a continuare a sostenere questa manifestazione. “Ma non ho mai avuto risposta” ha spiegato la Lissi.

Leggi anche:  Il Partito Anti Islamizzazione ha le sue radici nel Lecchese

“L’altra sera [lunedì 29 gennaio] mi hanno risposto che riceverò una risposta scritta. Ma lo sapevano da novembre che dovevano farmela avere nero su bianco! Stanno tergiversando e anche se sto insistendo con una certa fermezza, ho dovuto dire al presidente del Consiglio che ricorrerò ad atti ufficiali per saperlo”, lamenta il consigliere.

“Como è definita città messaggera di pace. ‘Intrecci di popoli’ è nato proprio con l’obiettivo di far sentire tutti accolti in un’unica comunità. Mi auguro che il percorso iniziato insieme a tante realtà, associazioni e cittadini possa continuare a essere più incisivo sulle scelte della nostra città. E soprattutto che la manifestazione continui a tenersi” ha concluso la Lissi.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU