In Consiglio comunale a Como questa sera, 5 febbraio 2018, è tornata in auge la questione del patrocinio del Comune per la mostra Minerali Clandestini, in città lo scorso ottobre. E arriva la sorpresa.

Mostra Minerali Clandestini: quel patrocinio che non c’era…

Lo scorso ottobre la Diocesi di Como ha presentato ai comaschi la mostra itinerante Minerali Clandestini. Un’esposizione che non aveva ricevuto il patrocinio del Comune di Como. Questo fatto aveva portato più di una volta il consigliere Pd Patrizia Lissi a chiedere in Consiglio il perché di questa scelta della Giunta.

Questa sera il vicesindaco Alessandra Locatelli, in una preliminare, ha voluto svelare il mistero. “Lo scorso 28 settembre ci saremmo dovuti recare in Giunta per approvare, tra gli altri punti all’ordine del giorno, il patrocinio alla mostra. Proprio quel giorno mi è stato portato il Settimanale del Diocesi e ho visto pubblicata la locandina con il patrocinio. Quel pomeriggio non abbiamo quindi potuto approvare il patrocinio”.

Leggi anche:  Con i grillini al governo Bergamo-Treviglio e Pedemontana sono a forte rischio

La questione sarebbe anche potuta peggiorare. Il patrocinio utilizzato impropriamente può infatti far incorrere in sanzioni dai 100 ai 500 euro. “Non abbiamo voluto proseguire su questa strada – ha spiegato la Locatelli – Ci siamo limitati ad avvisare le associazioni che hanno provveduto a rimuovere dalle locandine il logo del Comune”.