Il consigliere comunale di Como pentastellato, Fabio Aleotti, è stato l’unico a votare in modo contrario in Consiglio comunale a Como per il passaggio della riscossione coattiva delle entrate del Comune ad un nuovo ente.

Riscossione coattiva: “Hanno solo cambiato nome a Equitalia”

Con la fine di Equitalia, i Comuni che sfruttavano i suoi servizi per la riscossione del tributi comunali erano chiamati a scegliere un nuovo ente. Il Comune di Como in Consiglio comunale ha scelto di affidarsi al nuovo ente nato sulle ceneri di Equitalia, Agenzia delle Entrate – Riscossione. La modifica è stata fatta con i voti della maggioranza. Sei gli astenuti delle minoranze, uno contrario Aleotti.

“Una delle pratiche che più fanno indignare gli italiani è quella della sistematica presa in giro del popolo da parte di un  mondo politico che ha persone le ragioni del mandato che gli è stato affidato – ha commentato Aleotti – Il popolo vuole abolire Equitalia? Bene, le si cambia nome in ‘Agenzia delle Entrate – Riscossione’ e tutti sono contenti. Un maquillage gattopardesco, far finta di cambiare tutto per non cambiare nulla, o peggio. Infatti con l’occasione ne vengono addirittura estesi i poteri e le viene concesso l’accesso alle principali banche dati (prerogativa negata a Equitalia), quindi azione più rapida e poteri più invasivi”.

La posizione pentastellata

“Per noi del M5S non è una buona notizia perché è una riscossione che rimane iniqua e spesso distorta: debole con i forti e forte con i deboli. Cambia il nome ma rimane un soggetto esterno alle Entrate, che eredita tutto il carrozzone di Equitalia, che si prende baracca e burattini (e probabilmente burattinai), compresi aggi e obiettivi quantitativi di riscossione – continua il consigliere del M5S Fabio Aleotti – Da anni chiediamo di riportare queste funzioni in Comune, per risparmiare, per far crescere il personale, per crescere come Comune, per far crescere l’aspetto sociale, ma tutto è stato esternalizzato, con Creset e Ica, riempiendo solo i titoli di giornale e non le casse comunali”.

Quindi conclude con un attacco alla maggioranza; “La Lega in campagna elettorale ha chiamato alla mobilitazione con lo slogan ‘Fuori Equitalia dalla lombardia’ e spingeva per la creazione di un’agenzia su base regionale. Forza Italia si auto proclamava fautrice dell’aliminazione di Equitalia… E ora siamo punto e a capo”.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU