Torna in auge la questione del sindaco Arosio incompatibile dopo la sentenza del Tar resa nota ieri. Vola Cantù attacca: “Si dimetta”.

Sindaco Arosio incompatibile: “No ad altre spese legali pagate dai canturini”

“Il sindaco e la Giunta comunale devono dimettersi senza ulteriori indugi attivando al più presto le procedure necessarie per convocare nuove elezioni amministrative – fa sapere in una nota il Comitato Vola Cantù – Inoltre vogliamo che venga convocato il Consiglio comunale per discutere della nuova situazione che si è venuta a creare a seguito della sentenza del TAR”.

Secondo il Comitato che alle scorse elezioni appoggiò il candidato Alberto Novati, “Un eventuale ricorso al Consiglio di Stato, pur legittimo, avrebbe però una scarsa per non dire nulla possibilità di essere accolto per via delle inoppugnabili motivazioni che il TAR ha espresso nella sentenza. Inoltre è quanto meno inopportuno che i canturini siano chiamato a sostenere delle spese legali aggiuntive a quelle già sostenute per l’avvio di ulteriori quanto inutili procedure di giustizia amministrativa”.

Leggi anche:  Minoranze assenti in Consiglio a Fino: "Ne risponderanno alle prossime elezioni"

Secondo quanto annunciato nella sentenza del Tar infatti il Comune dovrà pagare 4mila euro di spese legali a Zanfrini proprio per il ricorso che il Consorzio ha dovuto portare avanti dopo l’annullamento dell’appalto.

Ad ogni modo, per il momento, come ha raccontato ai microfoni del GiornalediComo.it, Edgardo Arosio non ha nessuna intenzione di fare un passo indietro. Qui le sue parole.

Gli approfondimenti sul caso

Nicola Molteni attacca: “Vinto regolarmente. A Cantù tentano il golpe”

Arosio incompatibile: lunedì il giorno del giudizio

Consiglio comunale a Cantù, Arosio rilancia: “Gara d’appalto non regolare”. VIDEO

Incompatibilità Arosio: Zanfrini presenta ricorso al Tar

Sindaco Cantù dopo il caso “incompatibilità”: “Parlo ancora con mio fratello”