Pallacanestro Cantù: la gioia di coach Marco Sodini a fine gara.

Dopo la vittoria a Brindisi

Coach Marco Sodini è, indubbiamente, uno dei grandi protagonisti della splendida cavalcata della Red October Cantù, che chiude il girone di andata al sesto posto, conquistando così un pass per la Final Eight di Coppa Italia che si terrà nel mese di febbraio in quel di Firenze. I biancoblù battono la Happy Casa Brindisi 88 a 86 grazie a una clamorosa tripla di Charles Thomas, da otto metri abbondanti, a pochi centesimi di secondo dalla fine.

Le parole del coach

Di seguito le parole del capoallenatore della Red October: “Una partita non per deboli di cuore”, inizia così il commento in sala stampa di coach Sodini, il quale poi non perde tempo per rivolgere a Brindisi i suoi complimenti: “Sono sicuro che pochissime squadre riusciranno a vincere qui a Brindisi. Agli amici brindisini e alla famiglia Marino auguro ogni bene, il “PalaPentassuglia” è sempre stato un sesto giocatore. Brindisi ci ha forzato a giocare la sua pallacanestro, mettendo da parte quello che avevamo preparato. E per questo non sono contento. Potevamo avere il controllo della partita ma non siamo stati bravi a chiuderla, facendo anche scelte strane. Nel finale, per fortuna, si è svegliato Culpepper che ha saputa gestire molto bene gli ultimi possessi. Non siamo riusciti a correre come avremmo voluto nonostante gli 88 punti finali. Di contro però – prosegue l’allenatore canturino – rabbrividisco se penso all’importanza delle squadre che siamo riusciti a tenerci alle spalle al termine del girone di andata. Per questo sono contento, siamo riusciti a resistere all’impeto di Brindisi nonostante ci sia stata molta frenesia nei minuti finali. Lo spirito di sacrificio di questi giocatori, che alla quindicesima giornata ci porta al sesto posto, è un grande risultato”.

Leggi anche:  Elisa Meneghini convocata per gli Assoluti

Il grazie di Sodini

“Ci tengo a ringraziare tutte le persone che hanno reso possibile tutto questo. La nostra situazione si sta normalizzando e forse una partita come questa un paio di mesi fa l’avremmo persa di quindici punti. Una menzione particolare per Burns che – conclude Sodini – ha fatto una partita solidissima tirando anche con un 8/8 da due e catturando 12 rimbalzi».