Due punti meritati per la Red October Cantù che asfalta l’Orlandina al Paladesio.

Prestazione impeccabile

Impeccabile la prestazione dei ragazzi di Sodini, perfetti fin dalla prima palla a due. Sin dall’inizio si intuisce che sarà una giornata difficile per la Betaland: Chappell e Culpepper  sono ispirati ma è tutta la squadra che gira a meraviglia. Grazie al muro difensivo eretto nel primo quarto (solo 7 punti concessi ai siciliani), Cantù scappa e prende il volo per effetto dell’ottima prova offensiva del trio americano Smith-Culpepper-Chappell. Nel secondo periodo, con 19 punti da recuperare, l’Orlandina accenna a una timida reazione ma è solo un fuoco di paglia.

28 punti nel terzo quarto

Nel terzo quarto i biancoblù riprendono a macinare canestri e ne mettono 28.  La Betaland non sembra mai in grado di poter riaprire la partita e sprofonda sotto i colpi in contropiede di Charles Thomas, Cournooh e Chappell. Nell’ultimo periodo Sodini concede spazio alle seconde linee ma la musica non cambia. Cantù tocca il +26 a cinque minuti dalla fine. E il pubblico festeggia la meritata vittoria dedicando applausi anche ai due ex Kuba Wojciechowski e Nicola Brienza.

Leggi anche:  Como 2000 brutto stop a Padova

Il tabellino

Red October Cantù. Smith 18, Culpepper 9, Pappalardo, Cournooh 12, Parrillo 5, Tassone, Crosariol 13, Maspero, Raucci, Chappell 16, Burns 8, Thomas 15. Allenatore Sodini.

Betaland Capo d’Orlando. Galipo n.e., Alibegovic 12, Maynor 10, Atsur 10, Kulboka 6, Laganà n.e., Delas 5, Wojciechowski 19, Stojanovic 11, Ikoviev, Donda n.e.. Allenatore: Di Carlo.