Casate in Cantina, degustazione vini con grande partecipazione

Anche quest’anno successo per l’evento “Casate in Cantina”, degustazione di vini nella frazione Casate di Lezzeno. Nata da un’idea di tre amici (Claudio Niccoli, Massimo Bertolio e Mario Prevedoni) e insieme al coinvolgimento degli abitanti della frazione, le Cantine hanno raccolto anche quest’anno una grande partecipazione. La serata è stata organizzata dall’associazione sportiva del paese, GT Li Gufi, un gruppo di amici che si sono sempre proposti di esaltare il gioco del calcio con il divertimento dentro e fuori dal campo, tenendo uniti i ragazzi del paese e dei paesi vicini. L’evento ha avuto molto successo: lo dimostra il numero dei partecipanti, raddoppiati rispetto allo scorso anno, ma anche la quantità dei vini che sono stati degustati (ben 23 tipologie di Rossi, Bianchi, Bollicine e Dolci). Quest’edizione ha riservato anche un punto di ristoro con piatti come Töc (polenta tipica locale) e Pizzocheri. Il percorso era segnato da una particolare illuminazione della scala, verso il cuore della frazione, e da un’esposizione di quadri di ragazzi diversamente abili e con autismo che frequentano l’atelier di Lianne Schreuder. Presente anche una degustazione di Olio Extra vergine locale e altri prodotti derivati dalle olive, oltre alla Storica Fanfara di Lezzeno.
Claudio Niccoli, della società sportiva che ha organizzato l’evento, ha commentato positivamente l’esito della serata: “Dopo mesi di preparazione, grazie all’aiuto di tante persone a cui siamo molto riconoscenti, la serata si è svolta sotto un cielo stellato e una temperatura gradevole. Forse l’incoraggiamento della frase ‘aiutati che il ciel ti aiuta’ mai come in questo caso è stata così azzeccata. Il tutto ha facilitato lo svolgimento dell’evento e ha consolidato la consapevolezza di poter realizzare qualcosa che prima di questa serata era solo un sogno. Un sogno che va curato, voluto, coccolato, condiviso e rispettato. Vorrei ringraziare di cuore i miei compagni di viaggio per aver proposto qualcosa che nemmeno nell’immaginazione collettiva nessuno credeva si potesse realizzare e proprio per questo vorrei fare a tutti un augurio: prendendo in prestito le parole di Enzo Ferrari vorrei dire che i sogni, spesso, sono contagiosi”.

Casate in Cantina, il percorso tra i vicoli di Lezzeno

“Sono felice per l’esito della serata, per l’affluenza  e soprattutto per i tanti complimenti  ricevuti che devo condividere con i miei compagni di viaggio in primis e poi con tutti i ragazzi che hanno partecipato a 360 ° per realizzare questo evento. Dal vino, al cibo, alla location, all’allestimento dell’illuminazione del centro frazione assieme a tutti gli attrezzi antichi e vissuti sparsi tra le contrade e non per ultimo le cantine stesse che ospitavano ognuna vini diversi da produttori diversi: tutto questo ha acceso nelle persone presenti tanta emozione. Sulle scalinate e fuori dalle cantine si vedeva chiaramente che le persone  erano entusiaste. Ci sono sicuramente tante cose da migliorare ma direi che siamo sulla strada giusta. Il nostro paese è bellissimo, con un po’ di brio direi che non può che migliorare. Ringrazio Claudio e Massimo per aver creduto a questo progetto ed essersi prestati alla sua realizzazione” ha commentato Mario Prevedoni.

“Casate in cantina è stata una scommessa, un’avventura che io, Claudio e Mario abbiamo iniziato quasi per gioco” ha commentato il presidente dell’associazione sportiva, Massimo Bertolio, che continua: “Ovviamente un gioco non è, infatti dietro all’evento ci sono mesi di organizzazione. Ci tengo a ringraziare i proprietari  delle cantine che s impegnano ad abbellire i loro locali, tutti gli abitanti della frazione di Casate e i ragazzi della società G.T. Li Gufi che contribuiscono con passione alla buona uscita dell’evento. Ringrazio i miei compagni  d’avventura per averci creduto: con un po’ d’impegno e tanta collaborazione abbiamo trasformato  una piccola frazione di Lezzeno in un borgo invidiabile e pronto ad accogliere coloro che hanno voglia di degustare del  buon vino in compagnia”.

Leggi anche:  Scoperta grotta al Ghiacciaio dei Forni, presto svanirà VIDEO