Alla Nostra Famiglia si parla del “Valore della disabilità”.

Serata organizzata dall’associazione “Un Villaggio per educare APS”

Continuano anche nel mese di novembre gli incontri organizzati dall’associazione “Un Villaggio per educare APS” in collaborazione con l’Associazione La Nostra Famiglia, Age Lombardia, AgeSC Lecco, AIDD Onlus, CAV di Lecco, Centri clinici NeMO, Diesse Lombardia, Fondazione Orizzonti Sereni, Istituto Maria Ausiliatrice Lecco, Karpion Onlus, Meter Onlus, Parvus Onlus con un appuntamento carico di aspettative e ospiti d’eccezione. Lunedì 18 novembre, alle 20.45, presso l’Auditorium don Luigi Monza a Bosisio Parini, ospiti de “La Nostra Famiglia”, avrà luogo l’incontro “Il valore nella disabilità”. Interverranno, Luisella Bosisio Fazzi (Presidente della Fondazione Orizzonti Sereni) e Alberto Fontana (Presidente Centri Clinici NeMO – NEuroMuscular Omnicentre). L’incontro è il terzo di una serie di otto appuntamenti, rivolti a genitori, docenti, dirigenti ed educatori in genere e studenti proposti e pensati all’interno della rassegna“Per fare un bambino ci vuole un villaggio” sul tema “L’umano alla prova: oltre le ferite dell’esistenza”.

Disabilità quale “condizione di salute in un ambiente sfavorevole”

La serata si presenta come un’occasione per avvicinarsi al mondo della disabilità quale “condizione di salute in un ambiente sfavorevole”: non esistono pertanto “disabili”, ma “persone” che vivono una condizione di disabilità, al punto che la stessa diventa o può diventare un’esperienza che tutti, nell’arco della vita, possono sperimentare. “Di fronte alle nostre malattie – dichiarava Alberto Fontana in una intervista rilasciata nel 2017 – puoi scegliere se sentirti disperato e perseguitato dalla sfortuna o se trasformare quel momento che ti sembra insuperabile in energia per testimoniare che si può e si deve conquistare la bellezza della vita. Ognuno di noi è circondato d’amore, ma questo non potrà mai essere uno scudo nei confronti del male. Guardandoci allo specchio, dobbiamo prendere consapevolezza e accettare che nella nostra esistenza esistono il bene e il male. È solo metabolizzando questa contingenza che possiamo testimoniare quel potenziale umano che permette di trasformare la sofferenza in forza.”

Leggi anche:  A Porlezza arriva la corsa dei Babbi Natale

“Puntiamo a una vera inclusione sociale”

“Dobbiamo continuare – affermava già nel 2003 Luisella Bosisio Fazzi – ad impegnarci a fondo per garantire a tutti una vita degna di questo nome, perché non basta affermare l’esistenza di un diritto, ma è necessario salvaguardare, ove esistono, ed incoraggiare, dove difettano, tutte le azioni positive che permettono una vera inclusione sociale delle persone con disabilità”.

Si ricorda che ai genitori, docenti, dirigenti e studenti di scienze della formazione partecipanti, previa registrazione, verrà rilasciato Attestato di frequenza al termine dell’intero ciclo di conferenze. Per registrarsi è possibile utilizzare il seguente link: https://forms.gle/eeq9fpHvcG99qZDL6