Sguardo attento, valutazione tecnica sempre a fior di labbra, testa che si scuote se la propria ipotesi  ingegneristica non viene rispettata e quel “L’eri dei me…” quando invece tecnici e operai eseguono quanto, nella testa dello spettatore, era il progetto ideale. E che dire della postura tipica. Busto leggermente inarcato in avanti (poco eh…) e mani giunte  dietro alla  schiena. Hanno tutti  un lungo e onorevole trascorso lavorativo, non necessariamente nel settore delle costruzioni. E sono stati definiti dal’antropologo Danilo  Masotti, nel suo libro” Oltre il cantiere: fenomenologiadegli umarell”, delle vere e proprie sentinelle del territorio.

L’umarell, il pensionato-ingegnere tipo, orgoglio della terra lecchese e di Brianza, ha avuto di che divertirsi in questi giorni durante le operazioni di montaggio e varo del nuovo ponte di Annone.

Anche Konrad il Brianzolo al Ponte di Annone con gli… umarell

Tanti, tantissimi i pensionati che si sono “assiepati” lungo le due “sponde” della Statale 36 chiusa al traffico. E  la loro presenza così lecchese, così brianzola, non è passata inosservata a chi, ironicamente e simpaticamente, mette in luce, facendo sorridere, i tratti tipici del nostro territorio. Stiamo parlando di Konrad il Brianzolo che a loro ha dedicato un video girato proprio al cantiere del ponte di Annone.

Leggi anche:  Erbacce infestanti e rifiuti sotto la passerella del Broletto. E addio pavimentazione storica FOTO

E oggi?

Ieri il varo del ponte è stato effettuato e la Strada Statale 36 è tornata percorribile. La domanda quindi ora sorge spontanea… dove andranno oggi gli umarell? Ci si vede al prossimo cantiere…

LEGGI ANCHE Ponte di Annone montato: riaperta la Statale 36 VIDEO