Per una società libera e giusta, senza pregiudizi e discriminazioni; a vent’anni dall’ultima manifestazione LGBT comasca (Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender), riapre ufficialmente in una nuova sede, Arcigay Como, uno dei tanti distaccamenti territoriali dell’Associazione Arcigay, che opera sul territorio a difesa dei diritti della comunità LGBT.

Arcigay riapre a Como dopo 20 anni con una nuova sede

La decisione è stata presa all’unanimità lo scorso fine settimana, durante una riunione nella sede centrale di Bologna, dal consiglio nazionale di Arcigay. Fino a poco tempo fa, gestiva il territorio di Como il distaccamento di Varese.

Da oggi dunque ci sarà una rappresentanza anche a Como; la nuova sede di Arcigay Como “sVolta Arcobaleno” sarà presso l’Arci di Via Lissi.

Il nuovo direttivo

Il Consiglio Direttivo dell’associazione è composto da Cristina Di Giovanni, Anna Borrini, Federico Grammatica, Anthony Piccolo, Valentina Cervo, Beatriz Travieso e Jake Jansen Magarro.

“Lavoreremo affinché la comunità LGBTI+ comasca possa vivere in una società più libera e giusta. A vantaggio di tutte e di tutti.” – dichiara Stefano Marinetti, Presidente di Arcigay Como.

Leggi anche:  Youthlab partono gli eventi natalizi proposti dei giovani di Erba

L’Associazione

Arcigay è la principale associazione LGBTI italiana senza scopo di lucro e la più grande per numero di volontari e attivisti su tutto il territorio nazionale.

Dal 1985 si batte per la parità dei diritti, l’autodeterminazione,  il superamento di stereotipi e pregiudizi nei confronti delle persone LGBTI, e contro ogni forma di discriminazione. Opera su tutto il territorio nazionale attraverso i suoi 70 comitati territoriali e associazioni aderenti, grazie alla partecipazione di migliaia di volontari e attivisti.