Ecco nuovamente il presepe vivente a Cantù. Una tradizione che arriva alla quinta edizione, evento che anno dopo anno ha voluto determinatamente portare sul territorio della nostra città la testimmonianza che il Santo Natale. L’iniziativa dalla Pro Loco Per Cantù con l’Amministrazione comunale è prevista per domenica 22 dicembre.

Arriva il presepe vivente a Cantù

Il corteo partirà alle 16.45 dalla chiesa di San Michele per giungere nella centralissima piazza cittadina passando da via Matteotti. Saranno oltre 300 i figuranti che parteciperanno all’evento.

In piazza Garibaldi La Capanna della Natività

La piazza Garibaldi è indubbiamente stata apprezzata per eleganza, sobrietà, luminosità ma anche per aver riportato nel suo centro l’immagine per eccellenza del Natale cristiano: La Capanna della Natività. Una costruzione semplice così come semplice è la raffigurazione lignea che vi si trova all’interno, rievocatrice di quela notte a Betlemme duemila anni orsono. É necessario altresì porre accenti su aspetti forse passati inosservati. una capanna al centro della nostra città con tutte le vie che portano ad essa omogeneamente illuminata; via ricche, via meno riccche, storie, profili e problemmi diversi, tutte ugualmente tese ad accompagnare verso quel punto ben preciso della piazza. Il campanile che da sempre è simbolo inequivocabile della città di Cantù, che si protende con quei filari illuminati quasi ad abbracciare quella cappanna, come in una inconsueta e atipica simbologia raffigurante la “stella cometa canturina”.

Leggi anche:  Raccolta differenziata, sacchi gratuiti in Municipio

Il materiale della capanna

Il legno con la quale è costruita la capanna, proveniente da terre duramente provate da una calamità naturale che ha portato il Trentino ad essere, poco più di un’anno fa, un immmenso magazzino di legname a cielo aperto; e Cantù, Città del Mobile, che costruisce la sua capanna della Natività recuperando pochi metri cubi di quel materiale: in piccolo gesto un grande significato solidaristico e di sensibilizzazione verso quei territori, neanche se il Natale non avesse questi quali principi cardini.

Altri dettagli sul Giornale di Cantù domani, sabato 14 dicembre 2019, in edicola