Aumenti autostrade 2018: dal prossimo 1° gennaio entrano in vigore gli adeguamenti delle tariffe di pedaggio autostradale. Rincari anche per le autostrade che toccano la provincia di Como, come Pedemontana e la A8 che collega Milano con Como e il confine di Stato con la Svizzera.

Aumenti autostrade 2018: i rincari

Come di consueto ormai da qualche anno tornano, a partire dal nuovo anno, ad aumentare le tariffe autostradali. A renderlo noto è il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Nello specifico questi sono gli adeguamenti riconosciuti in tutta Italia:

Asti-Cuneo S.p.A. 0,00%; ATIVA S.p.A. 1,72%; Autostrade per l’Italia S.p.A. 1,51%; Autostrada del Brennero S.p.A. 1,67%; Autovie Venete S.p.A. 1,88%; Brescia-Padova S.p.A. 2,08%; Consorzio Autostrade Siciliane 0,00%; CAV S.p.A. 0,32%; Centro Padane S.p.A. 0,00%; Autocamionale della Cisa S.p.A. 0,00%; Autostrada dei Fiori S.p.A. 0,98%; Milano Serravalle Milano Tangenziali S.p.A. 13,91%; Tangenziale di Napoli S.p.A. 4,31%; RAV S.p.A. 52,69%; SALT S.p.A. 2,10%; SAT S.p.A. 1,33%; Autostrade Meridionali (SAM) S.p.A. 5,98%; SATAP S.p.A. Tronco A4 8,34%; SATAP S.p.A. Tronco A21 1,67%; SAV S.p.A. 0,00%; SITAF S.p.A. 5,71%; Torino – Savona S.p.A. 2,79%; Strada dei Parchi S.p.A. 12,89%; Bre. be. mi. 4,69%, TEEM 2,70% e Pedemontana Lombarda 1,70%.

Leggi anche:  Pedemontana: “Il pedaggio automatico trappola d’agosto”

I comaschi vengono in particolare toccati dagli aumenti di Autostrade per l’Italia (+1,51%) che gestisce la A9 la quale collega Milano a Como e al confine di Stato con la Svizzera. Aumenta però anche la Pedemontana Lombarda (+1,70%) che gestisce la Tangenziale di Como. In generale l’incremento medio del pedaggio per i veicoli sull’intera rete autostradale, calcolato sulla base delle percorrenze 2016, risulta essere pari al 2,74%.