Blackout nell’Olgiatese, imprevisto “concerto” a Bulgarograsso.

Blackout, danni e campanile in tilt

Piante cadute a Rodero (nei pressi del lavatoio), Valmorea (sulla strada delle sette curve) e Albiolo (sui cavi dell’alta tensione), per citare qualche esempio. Semafori spenti sulle strade più trafficate, in centro a Olgiate Comasco come in tanti paesi della zona. Attività commerciali ferme. E a Bulgarograsso il campanile ha fatto le bizze. Proprio a causa della prolungata assenza di corrente, è saltata la normale programmazione che regola i rintocchi delle campane. Quindi, in piena notte, alle 3 circa, come fa sapere la Comunità pastorale San Benedetto Abate, le campane si sono attivate in un “concerto” inatteso.

Memoria persa, programma tornato al primo gennaio

“Sono appena stato in parrocchia per sistemare la programmazione – spiega Nicholas Graci – Mi hanno avvisato che le campane si sono messe a suonare alle 3 di notte. Un disagio imprevedibile. Purtroppo, essendo mancata la corrente elettrica, è saltata la programmazione che regola le campane. Quindi, il sistema è ripartito praticamente dall’inizio, tornando al primo gennaio”.  Dunque con orari completamente sballati. Inconveniente che ha fatto scattare il concerto notturno.

Leggi anche:  Fiera del Crocefisso, oggi la tradizione si rinnova a Cantù

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU