La piccola Cabiate in un grande libro che in molti danno come favorito al Premio Strega 2019, il più importante riconoscimento letterario in Italia. Stiamo parlando di “Fedeltà”, romanzo scritto da Marco Missiroli, 38 anni, originario di Rimini.

C’è Cabiate nell’ultimo libro di Marco Missiroli

Il paese è citato in ben due passaggi del libro tramite un personaggio di nome Daniele Bucchi, grande amico di Carlo, il protagonista della trama insieme alla moglie Margherita. Bucchi lavora in una lavanderia e “abitava in una casa a schiera a Cabiate, settemila anime”. Il perché di questa citazione lo ha spiegato direttamente l’autore al nostro Giornale. “Sono molto legato a Cabiate perché mia moglie Maddalena è cabiatese, ha vissuto lì fino ai 20 anni e i suoi genitori sono ancora lì (il suocero di Missiroli è Maurizio Cazzaniga, presidente di Punto a Capo). E’ una cittadina che oltre questo legame familiare mi ha dato molto perché secondo me è legata ad una certa provincia romagnola, ha una bellezza timida, un fascino sotterraneo”.

L’intervista sul Giornale di Cantù da sabato 9 marzo in edicola
DA CELLULARE, SCARICA LA APP DEL GIORNALE PER SFOGLIARE L’EDIZIONE e da Pc clicca qui