Notizia clamorosa. La Corte d’Appello di Milano ha accolto il reclamo fatto dal Comune, il Casinò e la Banca Popolare di Sondrio contro la sentenza del Tribunale di Como che aveva disposto il fallimento della casa da gioco (QUI I DETTAGLI).

Casinò di Campione: la situazione

Nel giugno del 2018, , durante il Consiglio Comunale , aveva ufficialmente dichiarato il dissesto finanziario. Un mese dopo il Tribunale di Como ha dichiarato fallito il casinò di Campione d’Italia con la casa da gioco affidata a tre curatori fallimentari.

Clamoroso annullata la sentenza sul fallimento

I reclami fatti dal Comune, il Casinò e la Banca Popolare di Sondrio hanno trovato accoglimento. Il Tribunale di Como aveva disposto il fallimento del Casinò per insolvenza ma ora la sentenza è stata ribaltata. I giudici hanno ritenuto che sia stato violato il principio di contradditorio, nel decreto e nella conseguenza sentenza di fallimento disposti dal tribunale di Como.

Come si legge nel dispositivo, la Corte “dichiara la nullità del decreto del Tribunale di Como, pubblicato in data 27/7/2018, che ha dichiarato inammissibile la domanda ex articolo 161 comma 6, L.F., presentata dal Casinò di Campione Spa, nonchè della coeva sentenza n. 92/2018, emessa dallo stesso Tribunale, con la quale è stato dichiarato il fallimento di Casinò di Campione Spa”, Inoltre, “rimette le parti avanti al Tribunale di Como perché, previa rinnovazione dell’atto nullo, si pronunci sulle domande dalle medesime proposte nei termini di cui in motivazione, con onere di riassunzione ex. articolo 353 c.p.c.”.

Leggi anche:  Alla guida del Comando provinciale dei Vigili del fuoco di Como arriva una donna

E ora si riapre?

I giudici della Corte d’Appello evidenziano “la procedura deve essere rinnovata restituendo a Casinò di Campione Spa la possibilità di esercitare appieno tutte le prerogative consentite in via generale dall’ordinamento in pendenza del termine per la sua audizione, fatto salvo il giudizio del Tribunale sull’eventuale inammissibilità di domande laddove passibili di tradursi in abuso del diritto. Audizione nella specie indispensabile, a giudizio della Corte, anche per consentire la regolare ripresa del procedimento per la dichiarazione di fallimento stante la sopravenienze, sopra indicate, comunque emerse nella procedura minore, tutte successive al provvedimento del 27/3/2018, con il quale il Collegio aveva dichiarato chiusa l’istruttoria prefalimentare riservandosi la decisione sulla domanda del pubblico ministero, e sulle quale a Casinò di Campione Spa è stato impedito di interloquire, con concorrente violazione del principio del contradditorio, prima della dichiarazione di fallimento”.