Stamattina nella Camera di Commercio di Como è stata annunciata ufficialmente la candidatura di Como ad entrare a far parte del Network UNESCO Creative Cities. Entro domenica 30 giugno la lettera di candidatura firmata dal sindaco di Como Mario Landriscina sarà inviata dal Comune alla Commissione UNESCO di Parigi, accompagnata da lettera di endorsement della Commissione Italiana UNESCO che, con delibera del 13 giugno scorso, ha dichiarato di sostenere la Città di Como tra le candidate italiane al Network UCC.

Como Città Creativa Unesco

“Questa è l’occasione della vita, senza voler competere con nessuno, possiamo dire che stiamo facendo le nostre Olimpiadi – ha sottolineato il sindaco Landriscina – è un evento di grande profilo internazionale. La città, il territorio, i singoli potranno ricavare qualcosa da questa opportunità”.

Dal 1° al 31 luglio il Segretariato UNESCO di Parigi verificherà l’eleggibilità della candidatura sulla base della completezza e correttezza della documentazione a disposizione.
I documenti saranno quindi sottoposti all’attenzione dei peer del cluster per cui la città si è candidata e, in seguito, di un gruppo di esperti indipendenti scelti da UNESCO che assegneranno una valutazione alle singole candidature tra il 1° agosto e il 30 settembre.

Leggi anche:  Gente di Lombardia, una serata in omaggio ad Albertoni FOTO

Un eventuale secondo intervento da parte di UNESCO Italia e/o Ambasciata Italiana UNESCO e/o Ministero Esteri potrebbe verificarsi nel caso in cui la valutazione assegnata dai peer e dagli esperti indipendenti UNESCO sia la medesima per più di due città a livello nazionale.

Il vaglio ultimo sarà direttamente in capo al DG UNESCO, che, prevedibilmente, nel mese di novembre 2019 ufficializzerà le nomine delle città che entreranno a far parte del Network UCC.