Confesercenti Como ha lanciato una campagna per la legalità in vista della feste delle donne, datata 8 marzo.

Confesercenti Como contro i venditori abusivi di mimose dell’8 marzo

Confesercenti spiega: “In occasione delle principali ricorrenze, infatti, a Como e in provincia compaiono decine di venditori abusivi di mimose, fiori, accessori per i cellulari, cappelli e abbigliamento. Gli ambulanti e i negozianti per esercitare legalmente la loro attività devono essere registrati in Camera di Commercio e con le imposte versate al fisco contribuiscono in modo significativo a finanziare scuole, ospedali e opere di pubblica utilità. I venditori abusivi invece risultano completamente sconosciuti al fisco e con la loro attività illecita praticano una concorrenza sleale nei confronti delle imprese legali costrette a versare tasse e imposte e a far fronte ai canoni di affitto e al pagamento delle utenze. Confesercenti sostiene il pieno rispetto della legalità e si appella a sindaci e comandanti delle polizie locali affinché venga sanzionato ogni forma di commercio abusivo che crea un danno alle imprese oneste e a tutti i cittadini”. Una dura presa di posizione in vista della celebre ricorrenza.

LEGGI ANCHE >> Grave incidente a Mariano