“Se evadi le tasse, non ti sposi”. Da Mariano Comense arriva la proposta shock di Forza Italia. Ovvero negare a tutti quei cittadini inadempienti, e con redditi idonei a pagare le tasse dovute, ogni servizio richiesto al Comune, compreso anche il rilascio della carta d’identità.

Da Mariano proposta shock: se evadi le tasse, non ti sposi

In altre parole chi non è in regola con i pagamenti dei tributi, dalla Tari alla tassa sui rifiuti ma anche per quanto riguarda tutte le tariffe quali mensa, trasporto pubblico ecc, non potrà ad esempio rifare la carta di identità, chiedere un certificato come quello dello stato di famiglia o sposarsi con rito civile davanti a un rappresentante dell’Amministrazione comunale marianese. L’unico modo per non trovarsi in questa situazione? Estinguere il debito immediatamente o con un piano di rientro ben studiato. Per ora è solo una richiesta che Andrea Ballabio porterà sul tavolo della discussione durante il prossimo Consiglio comunale di martedì 18 settembre. L’intento è chiaro e forte. Se votata a maggioranza dall’assemblea la richiesta contenuta nella mozione di FI potrebbe diventare realtà.

Ma non sarà abuso d’ufficio o di potere vietare al Comune di fare il suo lavoro nei confronti dei marianesi? “Il Consiglio è sovrano. In altri Comuni ha negato di rilasciare carte di identità ai profughi. Perché noi non possiamo negarlo a chi gode dei servizi pubblici marianesi ma non contribuisce a mantenerli?” ha spiegato Ballabio al Giornale di Cantù.

Leggi anche:  Amministrazione Cantù investiti 3 milioni di euro

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU