A chi non è mai capitato di cercare un sintomo su Google e di trovare esiti catastrofici? Un team di giovani italiani, lavorando nel Comasco, ha trovato la risposta a tutte le nostre domande mediche: DaVinci Salute, un’app, che fornisce un consulto medico quasi immediato di medicina generale o psicologia. La parola chiave: prevenzione.

DaVinci Salute, l’app che rende digitale la medicina

L’idea è nata dagli anni di esperienza all’estero come consulente farmaceutico di Stefano Casagrande, che insieme ad altri tre suoi colleghi ha deciso di digitalizzare il nostro sistema sanitario, sul modello di quello inglese, che già prevedeva questa innovazione. “Ho partecipato ad un progetto per il ridisegno del sistema sanitario dell’Arabia Saudita; ci siamo ispirati al modello inglese e il primo passo era la presenza di un medico digitale. Da lì l’idea di questa app”, afferma Stefano Casagrande, CEO di DaVinci.

Il perché di questo nome

Nel luglio 2018 nasce così DaVinci Salute; il perché di questo nome è singolare: da una parte la facilità d’uso – è facile da pronunciare anche all’estero dove contano di esportare l’app; dall’altra è un richiamo al geniale Leonardo Da Vinci, che tra i tanti campi si è occupato anche di anatomia.

L’app DaVinci Salute, gli obbiettivi

Numerosi sono gli obbiettivi dell’app DaVinci Salute: in primis combattere la disinformazione legata al campo medico e disincentivare la costante ricerca di un consulto su Google; evitare poi la congestione nei pronto soccorso e nelle sale d’attesa dei medici di base – che troppo spesso a causa del numero ingente di pazienti, non riescono a fornire un adeguato servizio. L’obbiettivo tuttavia più importante per Stefano e i colleghi è incentivare la prevenzione senza però volersi sostituire alla presenza fisica del medico.

Leggi anche:  Sanità comasca Orsenigo (PD): "Troppe criticità"

Come funziona l’app?

Il funzionamento di DaVinci Salute è molto semplice e intuitivo: si scarica gratuitamente l’app e ci si iscrive; dopodiché si indica l’area di competenza e la sintomatologia e si richiede un consulto d’emergenza oppure si fissa un appuntamento. In ogni caso a rispondere saranno sempre dei professionisti, che tramite un algoritmo vengono contattati dal sistema. Si tratta di un pool di medici con anni di esperienza alle spalle, specializzati nelle diverse aree tematiche. Si può ricevere il consulto tramite messaggio privato, telefonata o video-chiamata con la possibilità di inviare file come foto.

A chi si rivolge

L’app vuole rivolgersi a tutti ma principalmente a coloro che non hanno la possibilità – per mancanza di tempo o lavoro – di recarsi dal proprio medico di base; coloro che non hanno un medico di base perché lavorano all’estero o vivono in una regione diversa da quella d’origine; per chi è in vacanza e ha un’emergenza e infine per chi non vuole rivolgersi fisicamente ad un medico per timore o vergogna.

Le novità in arrivo

Nelle intenzioni dei fondatori, oltre esportare il prodotto anche all’estero come in Europa, vi è l’idea di fornire un servizio aggiuntivo: la consegna a domicilio di medicinali da banco – che non richiedono quindi la prescrizione medica – e di integratori, consentendo così ad anziani che non possono recarsi in farmacia, chi lavora o chiunque ne abbia bisogno di ricevere a casa o al lavoro medicinali di base.

I riscontri

Dal gennaio 2019 ad oggi, sono giunti molti riscontri positivi che hanno permesso di migliorare il servizio; molte richieste sono arrivate per la dermatologia e per il supporto psicologico contro ansia e stress – sempre più in crescita nella nostra società.

Per maggiori informazioni, visita il sito Internet dell’app