Disagi Poste a Cantù e nel Canturino: il sottosegretario Nicola Molteni continua la battaglia.

Le prime risposte da Poste Italiane

Si è svolto a Roma un incontro fra Poste Italiane e il sottosegretario agli interni Nicola Molteni nel corso del quale l’Azienda ha illustrato le iniziative adottate per superare le difficoltà che avevano determinato nei giorni scorsi giacenze di posta nel Centro di recapito di Cantù e rallentamenti nella distribuzione della corrispondenza nei comuni della zona. All’incontro con il sottosegretario Molteni erano presenti l’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Poste Italiane, Matteo Del Fante, e il Responsabile della Direzione Corporate Affairs, Giuseppe Lasco. Poste Italiane ha ribadito l’impegno a migliorare costantemente la qualità del servizio offerto ai cittadini su tutto il territorio nazionale, e in particolare nella zona di Cantù, assicurando che le giacenze di posta sono state quasi completamente smaltite.

Questi gli interventi garantiti

Il superamento della fase critica è stato possibile grazie ad una serie di interventi straordinari, quali la consegna anche al sabato, e strutturali:

 

  • è stato rafforzato il presidio di distribuzione di Fino Mornasco e si sta lavorando parimenti per intervenire entro la metà del mese di luglio nell’ambito dello stesso Comune di Cantù.
  • si sta provvedendo al riassetto delle zone competenti per il recapito di tutta l’area del canturino.
  • Poste Italiane ha già avviato interventi immobiliari urgenti che si completeranno entro la metà di luglio e che consentiranno di ottimizzare la lavorazione della posta.
  • Poste Italiane ha infine avviato le procedure per l’assunzione di nuovi addetti al recapito.

Poste ha assicurato che nelle prossime settimane incontrerà gli amministratori locali delle zone interessate ad iniziare dal sindaco della città di Cantù.