Due messe in suffragio di Padre Giuseppe Ambrosoli. La prima si terrà alla Chiesa di Ronago sabato 7 aprile alle 17, la seconda domenica 8 presso la chiesa di Uggiate Trevano alle 10.30. Entrambe le celebrazioni saranno presiedute da Padre Egidio Tocalli, medico e missionario comboniano, succeduto a padre Giuseppe alla guida dell’Ospedale.

Chi è padre Giuseppe Ambrosoli

Nasce nel 1923, consegue la laurea in medicina e chirurgia a Milano si specializza a Londra in malattie tropicali. Giuseppe Ambrosoli entra nell’ordine dei comboniani con il sogno di partire per l’Africa e dedicare la propria esistenza ai più poveri. Nel 1955 si reca a Kalongo nel nord dell’Uganda per gestire un piccolo dispensario locale.

“Salvare l’Africa con gli Africani”: nel 1959 Padre Giuseppe fonda una scuola specialistica di ostetricia nella convinzione che la formazione qualificata sia la strada maestra per l’autonomia delle future generazioni.Nel 1987 la guerra civile che flagella il nord Uganda porta all’evacuazione forzata dell’ospedale per ordine militare. Padre Giuseppe, provato dalla fatica e dalla sofferenza, muore a Lira il 27 marzo nel 1987.

Nel 1989 l’ospedale di Kalongo viene riaperto dal medico comboniano Egidio Tocalli e intitolato al suo fondatore: nasce il Dr. Ambrosoli Memorial Hospital. Dopo la sua morte è stata avviata la causa di beatificazione. Il pronunciamento del Papa arriva esattamente a 60 anni dall’ordinazione di padre Giuseppe, che avvenne per mano dell’allora Arcivescovo mons. Montini, il 17 dicembre 1955.

L’Ambrosoli Memorial Hospital in Uganda

L’Ambrosoli Memorial Hospital è situato a Kalongo in nord Uganda, una zona rurale teatro di una sanguinosa guerra civile durata più di vent’anni. L’Ospedale oggi serve una popolazione di circa 500.000 persone che vivono sotto la soglia della povertà e fornisce assistenza a circa 50.000 pazienti l’anno. È dotato di 271 posti letto e conta oggi 5 reparti: chirurgia, maternità e ginecologia, pediatria e malnutrizione, medicina generale, TBC. È dotato di un poliambulatorio per pazienti esterni, un laboratorio di analisi e radiologia e due sale operatorie. L’Ospedale ospita inoltre un ambulatorio pre e post natale, un ambulatorio pediatrico per le vaccinazioni e il monitoraggio della crescita, l’ambulatorio HIV/AIDS e ambulatori dedicati ad alcune specifiche patologie, tra cui la tbc.

Leggi anche:  L'iniziativa Casa anziani social va in onda sulla Rai FOTO

La scuola in Uganda

La Scuola Mary’s Midwifery School viene fondata nel 1959 da padre Ambrosoli per trovare una soluzione sostenibile al grave problema della mortalità materno – infantile in Africa. Punta sulla formazione qualificata quale fattore primario per dare alle future generazioni la possibilità di uno sviluppo autonomo anche in campo sanitario. Dalla sua nascita ad oggi la St. Mary’s Midwifery School ha qualificato oltre 1300 ostetriche. Oggi è considerata una struttura di eccellenza nella formazione medica specialistica e le sue ostetriche diplomate vengono richieste non solo nelle strutture ugandesi, ma anche in quelle di Tanzania, Kenia, Sudan, Congo e altri paesi dell’Africa sub sahariana.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU