“In questo circolo c’è la storia del tennis. Basta guardare le foto appese alle pareti per rendersene conto. Non potevamo che partire da Como, anche perché tra questi campi è cresciuto colui che ha avuto l’idea di questo club, Gianni Clerici”.

Presidenza onoraria

L’illustre scrittore e giornalista comasco è stato insignito ieri, in una cerimonia-incontro che si è tenuta nella sede del Tennis Como a Villa Olmo, della presidenza onoraria del Club delle Balette, associazione sportiva e culturale con sede a Jesi nata lo scorso 27 giugno e che ha l’intento di promuovere e tramandare la storia dell’antichissimo sport della racchetta. Già il nome del club, delle “Balette”, dice tutto. Balette sono infatti state definite – proprio da Gianni Clerici (“per differenziarle dalle palline da tennis”) – le palline che venivano usate per il gioco della pallacorda, antenato del tennis ma che si pratica ancora oggi, ad esempio al Queens di Londra (in sala era presente una rappresentante del prestigioso club britannico). Il giornalista comasco non ha potuto presenziare alla cerimonia ma ha fatto comunque pervenire un video messaggio di saluto ai presenti. “Non sono mai stato presidente di niente – ha scherzato – Ho avuto l’occasione di toccare queste palline usate nel XVI secolo. Sono di cuoio con cuciture ben tangibili. Ti riportano ad epoche del passato, a chi ha giocato davvero con quelle balette”.

Presente in sala anche Milena Naldi, autrice con Gianni Clerici del libro “Il tennis nell’arte”. “Gianni è una raccolta vivente di storia del tennis – ha detto – Ha unito tennis e arte, è un uomo di cultura e per questo ha fatto la differenza. Uno dei compiti per il Club delle Balette credo sia proprio quello di comunicare questa storia antichissima dello sport che tanto amiamo. Una storia che si può trovare anche in quadri del 1500”.

Leggi anche:  Città dei Balocchi niente treni diretti sulla Como-Lecco da Natale al 1 gennaio

“Club delle Balette”

La giornata è stata guidata dalla vicepresidente del “Club delle Balette”, Carla Saveri, e dal presidente Marco Gilardelli, che hanno consegnato riconoscimenti anche al presidente del Tennis Como, Chiara Sioli, e al direttore del circolo Paolo Carobbio.“Gianni ha detto che non è mai stato presidente di niente – ha commentato Gilardelli – Ma ha accettato volentieri la presidenza onoraria del nostro nuovo Club, che è solo una piccola cosa rispetto ai titoli acquisiti nella sua carriera. La storia del tennis deve essere portata avanti, e non c’è posto migliore per lanciare questo messaggio di un circolo come questo di Villa Olmo, dove la storia è di casa”. La giornata è proseguita con una cerimonia conviviale. Nella motivazione della presidenza onoraria attribuita a Gianni Clerici si legge: “Giornalista, scrittore che, alla dimensione culturale del tennis e alle sue metafore ha dedicato energie, passione e intelligenza raffinata. Se questo sport è divenuto un’esercitazione concettuale e un fenomeno letterario lo si deve alla visione e allo spirito di anticipazione che lo scriba Gianni Clerici ha diffuso, con la sua arte di coinvolgere il lettore, apprezzata in tutto il mondo”. Per la cronaca, “balette” utilizzate per il gioco della pallacorda sono state ritrovate in Italia a Jesi, ma anche a Urbino e a Mantova.