Il Centro Diagnostico Italiano, struttura sanitaria nata a Milano nel 1975, sarà presente all’arrivo del Giro d’Italia a Como. Domenica 26 maggio il camper del CDI, adibito ad ambulatorio mobile, offrirà la possibilità di eseguire gratuitamente il test salivare a risposta rapida per la diagnosi dell’epatite C e la misurazione dell’emoglobina glicata per lo screening del diabete. Il camper sarà accessibile al pubblico all’interno dell’open village in via Plinio, a 200 metri dall’arrivo, a Como.

Giro d’Italia a Como: sport e salute vanno a braccetto

Secondo i dati Istat il 5,3% della popolazione italiana, ovvero oltre 3 milioni e 200mila persone, sono affette da diabete. 1 In Lombardia i casi si attestano attorno alle 470mila persone: quasi il 4,7% della popolazione.

“L’appuntamento con la prevenzione a bordo del camper del CDI durante il Giro d’Italia è ormai una consuetudine, un’occasione per ricordare l’importanza della prevenzione – commenta Fulvio Ferrara, direttore della medicina di laboratorio e anatomia patologica del Centro Diagnostico Italiano. Sport e salute vanno di pari passo, così come prevenzione e diagnosi precoce. Grazie alla nostra presenza alla tappa del Giro d’Italia speriamo di poter ricordare come, grazie a controlli regolari, possiamo tenere sotto controllo il nostro stato di salute. Se pensiamo ad esempio all’epatite C, una patologia che solo in Italia colpisce 300.000 persone, dobbiamo tenere presente che a questo numero deve essere aggiunto il ‘sommerso’, ovvero i casi di malattia non diagnosticati per mancanza di sintomatologia o in assenza di diagnosi di laboratorio. Questa iniziativa ci permette di parlare di prevenzione anche a coloro che sono più restii nel sottoporsi a controlli periodici”.

Al traguardo anche ciclisti diabetici da Mariano Comense

Taglieranno il traguardo della tappa comasca anche i ragazzi del Fly Cycling Team, la squadra ciclistica di giovani atleti semiprofessionisti di Mariano Comense, composta sia da ciclisti diabetici che normoglicemici, supportata quest’anno anche da CDI. Dal 2013 i ragazzi del Fly Cycling Team, progetto nato dall’idea di Marco e Luca Maria Lucini, partecipano alle gare più importanti del calendario nazionale ed internazionale di ciclismo nella categoria Élite e Under 23.

Leggi anche:  Il Comandante Gallorini va in pensione. "La Strage di Erba? Mi ha cambiato la vita"

Viaggiando sulle due ruote dimostreranno che si può competere ad altissimi livelli anche se affetti da una patologia cronica come il diabete e al contempo dimostrare come fare attività fisica è un passo fondamentale per la prevenzione e la cura.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU