I Vigili del Fuoco comaschi oggi, 4 dicembre, si sono riuniti al comando di via Valleggio per celebrare la patrona del Corpo, Santa Barbara. E come tradizione vuole, per un istante, le celebrazioni si sono interrotte perché la sirena è suonata e i pompieri di turno dovevano soccorrere una persona. Poi la festa è continuata tra consegne di benemerenze, preghiere e simulazioni di manovre spettacolari.

Santa Barbara

Un anno impegnativo è passato per i Vigili del Fuoco comaschi, da poco più di sei mesi guidati dal nuovo comandante Marcella Battaglia. “E’ un onore dirigere questo comando – spiega di fronte alla platea il comandante Battaglia – Quest’anno sono stati 5296 gli interventi cui abbiamo preso parte, il 18% in più rispetto allo scorso anno. Il comando è apprezzato per la sua crescita e continueremo a migliorare con umiltà e modestia”.

Gli auguri vanno in particolare ai 14 nuovi volontari che stanno finendo il corso per diventare Vigili del Fuoco ma anche ai 17 nuovi capo squadra volontari. “Negli ultimi due giorni abbiamo accolto in caserma circa 300 bambini – prosegue la comandante comasca – Caposaldo del nostro lavoro continua a essere la promozione della sicurezza con l’obiettivo di migliorare la qualità della vita della città. La caserma continua ad essere in dialogo aperto con la città”.

Leggi anche:  I Vigili del Fuoco di Appiano Gentile celebrano i loro "primi" 120 anni

E guardando ai dati, i pompieri comaschi sono effettivamente sempre sul territorio. Dei 5296 interventi da novembre 2018 a ottobre 2019, 1181 sono stati incendi e scoppi, 604 gli incidenti stradali con soccorso persona e 842 le operazioni di soccorso e ricerca persone o incidenti sul lavoro. Un focus è stato attivato per esempio sugli incendi boschi che nei mesi passati hanno flagellato l’Alto lago.”Stiamo lavorando sulla prevenzione – sottolinea Battaglia – Inoltre vogliamo migliorare la capacità di risposta e per questo siamo al lavoro su una convenzione regionale”.

Senza contare che, anche i Vigili del Fuoco, non smettono mai di imparare. Molti i corsi di formazione ai quali partecipano, nell’ultimo anno sono state 1893 le ore di didattica erogate. “Uno degli ultimi è stato il seminario ‘Le persone con esigenze speciali’ legato al tema dell’inclusione. “Da questo è scaturito ‘Pompieropoli for all’, a cui oggi tutti i bimbi nessuno escluso, hanno potuto partecipare” ha precisato Marcella Battaglia.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU