Nella palestra di via Tarchini, il Corpo musicale olgiatese tiene questa sera, 5 gennaio, il tradizionale Concerto di gala di inizio anno. Per l’occasione si esibirà anche la Junior Band, formata dai giovani allievi della scuola di musica. Ad aprire la serata è però il primo cittadino Simone Moretti che ha tenuto un accorato discorso di unità. Dalle sue parole si evince che per i prossimi due anni del suo mandato sarà ancora la comunità al centro delle sue preoccupazioni. Non a caso il sindaco Moretti ha citato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella su questo tema. Ecco quindi il discorso completo del sindaco di Olgiate Comasco.

Il sindaco Moretti vuole una Olgiate unita

“Cari Amici e Concittadini,
Rinnovo a tutti i presenti gli Auguri per l’inizio del 2019, con l’auspicio che il nuovo anno possa essere sereno, positivo e ricco di novità. Per l’Amministrazione Comunale, arrivata a metà del suo mandato amministrativo, l’anno che inizia vedrà il concretizzarsi dei tanti lavori preparati e programmati in questi mesi, frutto di incontri, discussioni, ragionamenti volti al bene della nostra città. Così questa amministrazione ha sempre lavorato e così continuerà a fare nel rispetto di tutti, con la massima trasparenza, il confronto costruttivo con tutti e la disponibilità al dialogo ed all’ascolto, anche delle critiche.

Oltre alla capacità e volontà di ascolto, non dobbiamo mai dimenticare che abbiamo un ruolo pubblico da rispettare ed ogni nostro comportamento deve essere ricondotto a valori spesso dimenticati quali il rispetto dell’altro, l’altruismo, la volontà di aiutarsi a vicenda che sono alla base della vita in una Comunità di persone per bene qual è la nostra Olgiatese.

Il concetto di comunità è stato al centro del recente discorso alla nazione del nostro Presidente Sergio Mattarella, del quale vorrei condividere con tutti voi alcuni passaggi.

Comunità, una parola declinata molto spesso in maniera formale e quasi retorica e che improvvisamente si presenta con tutto il suo carico di umanità, quasi come una scialuppa di salvataggio alla quale aggrapparsi per evitare il naufragio.

 Sentirsi “comunità” significa condividere valori, prospettive, diritti e doveri.
 Significa “pensarsi” dentro un futuro comune, da costruire insieme.
 Significa responsabilità, perché ciascuno di noi è, in misura più o meno grande, protagonista del futuro del nostro Paese.
 Vuol dire anche essere rispettosi gli uni degli altri.
 Vuol dire essere consapevoli degli elementi che ci uniscono e nel battersi, come è giusto, per le proprie idee e rifiutare l’astio, l’insulto, l’intolleranza, che creano ostilità e timore.

In una Comunità per bene ci si sente sicuri, ma anche il concetto stesso di sicurezza va di pari passo con i nostri comportamenti, partendo da un ambiente in cui tutti si sentano rispettati e rispettino le regole del vivere comune.

Sicurezza è anche presidio del territorio, garantito dalla presenza delle Forze dell’Ordine: a loro va un sentito ringraziamento per il lavoro che quotidianamente e faticosamente svolgono, dai Carabinieri alla Guardia di Finanza fino alla nostra Polizia Locale, ognuno per i propri compiti e doveri e soprattutto presenti sul territorio in maniera costante e molto operativa.

Un ulteriore ringraziamento va agli oltre 700 cittadini dal 2015 ad oggi impegnati attivamente nel progetto di sicurezza partecipata del “Controllo del Vicinato” con 17 gruppi attivi su tutto il territorio di Olgiate Comasco.

Accanto ai concetti di Comunità e di Sicurezza c’è quello del Rispetto delle Regole, e per adempiere a ciò, dobbiamo mostrare il lato migliore di noi, quello che ‘non ha timore di manifestare i buoni sentimenti che rendono migliore la nostra società’.

Un lato di noi ben presente nelle associazioni di volontariato sociale e del terzo settore, così come in tutti i volontari impegnati in maniera disinteressata e per il solo bene comune nelle numerose realtà associative che animano Olgiate e che ringrazio sempre per il loro impegno e la loro disponibilità.

Un lato di noi ben presente nei nostri ragazzi e ragazze, impegnati nella costruzione del loro futuro ma sempre disponibili quando si chiede loro un aiuto, un parere o di collaborare assieme.

Un lato di noi ben presente anche nella nostra popolazione dai capelli d’argento, dispensatori di buoni consigli a cui ci dobbiamo impegnare a dedicare loro un po’ del nostro tempo…in un momento storico dove siamo sempre di corsa… anche se non si sa per arrivare dove.

Correttezza, buoni sentimenti e rispetto delle regole che rimango convinto siano alla base anche del rapporto tra la pubblica amministrazione e la cittadinanza, o ancora meglio tra l’amministrazione comunale ed i suoi cittadini. E visto che amministrare non è facile ed è frutto di un gioco di squadra, un sincero ringraziamento va a tutta la mia squadra di assessori e consiglieri per la presenza costante e per il lavoro che quotidianamente svolgono, oltre a tutta la struttura amministrativa ed ai collaboratori del Comune che sono più di semplici lavoratori ma persone che ci mettono testa e cuore.

Siamo al servizio degli Olgiatesi per una Olgiate a misura delle persone che ci vivono senza dimenticare nessuno, dobbiamo proseguire insieme, facendoci carico ciascuno delle proprie responsabilità e delle proprie difficoltà, senza giudicare, senza puntare il dito verso chi in un momento più o meno lungo della propria vita può avere delle difficoltà legate alla perdita del lavoro, ad una separazione, per scelte di vita o lavorative che si sono rivelate sbagliate.

E nonostante le difficoltà e le sfide che quotidianamente siamo chiamati ad affrontare, non dimentichiamoci mai che dobbiamo essere sempre orgogliosi della nostra Olgiate e di essere Olgiatesi.

Ed a proposito di grandi olgiatesi, il pensiero questa sera non può non andare a Marino, un altro dei nostri Angeli andato a suonare la sua amata musica in paradiso.

Rinnovo ancora a tutti voi ed alle vostre famiglie i migliori Auguri di Buon 2019.
Il Vostro Sindaco,
Simone Moretti”

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU