Con la campagna nazionale di Protezione Civile “Io Non Rischio” – edizione 2019, prende il via il programma di comunicazione del Piano di Protezione Civile della città di Cantù. Oggi, sabato 12, dalle 10 alle 22, e domenica 13 ottobre, dalle 10 alle 18, i volontari di Protezione Civile, di diversi gruppi del territorio (Intercomunale Prealpi di Binago, comunale di Cabiate e di Mariano), sono in piazza Garibaldi per illustrare ai cittadini le “buone pratiche”, ovvero i comportamenti corretti da adottare in caso di emergenza. (Nel video Serafino Pozzoli della Protezione Civile di Cantù)

“Io non rischio”, la Protezione civile in piazza Garibaldi a Cantù

La campagna nazionale viene ospitata in più di 850 piazze d’Italia, 90 in Lombardia e per la prima volta approda anche a Cantù. L’Ente non si è fatto trovare impreparato, anzi ne ha raccolto e favorito lo spirito entusiastico. Tra i volontari ci sono anche quelli del Gruppo Comunale di Cantù, di cui proprio
quest’anno ricorre il 25esimo di fondazione. A loro è affidato il compito di divulgare e comunicare ai canturini quanto è contenuto nel Piano di Protezione
Civile, approvato nei mesi scorsi.

Leggi anche:  "Io non rischio" sabato e domenica la campagna nazionale di Protezione civile a Cantù

In piazza Garibaldi è allestita anche l’area ludica “Civilopoli”. Qui i bambini possono divertirsi mettendosi alla prova nel ripescare oggetti in acqua, piuttosto che spegnendo le fiamme di un finto incendio utilizzando il modulo anti-incendio. Durante il tour all’interno degli stand, viene sottolineata anche l’importanza della FAD, ovvero la formazione a distanza attraverso i programmi ideati da Regione Lombardia, utili sia per i futuri volontari che per i cittadini. Attraverso dei filmati, molto sintetici, si apprendono nozioni fondamentali che poi si possono verificare con dei test.  In mattinata, oltre a diversi cittadini, sono passati anche alcuni politici: dall’assessore Maurizio Cattaneo, passando per Nicola Molteni.

Il piano di Protezione civile con l’aiuto di due guide

Il materiale e la comunicazione saranno replicati nelle fiere (già il prossimo 20 ottobre) e nelle feste più importanti della città. Potranno essere utilizzati per organizzare anche incontri pubblici a tema