Con la campagna nazionale di Protezione Civile “Io Non Rischio” – edizione 2019, prende il via il programma di comunicazione del Piano di Protezione Civile della città di Cantù. Sabato 12, dalle 10 alle 22, e domenica 13 ottobre, dalle 10 alle 18, i volontari di Protezione Civile, di diversi gruppi del territorio (Intercomunale Prealpi di Binago, comunale di Cabiate e di Mariano), si troveranno in piazza Garibaldi per illustrare ai cittadini le “buone pratiche”, ovvero i comportamenti corretti da adottare in caso di emergenza.

“Io non rischio” sabato e domenica la campagna nazionale di Protezione civile a Cantù

La campagna nazionale viene ospitata in più di 850 piazze d’Italia, 90 in Lombardia e per la prima volta approda anche a Cantù. L’Ente non si è fatto trovare impreparato, anzi ne ha raccolto e favorito lo spirito entusiastico. Tra i volontari ci saranno anche quelli del Gruppo Comunale di Cantù, di cui proprio
quest’anno ricorre il 25esimo di fondazione. A loro sarà affidato il compito di divulgare e comunicare ai canturini quanto è contenuto nel Piano di Protezione
Civile, approvato nei mesi scorsi. A supportare la divulgazione vi saranno opuscoli e pieghevoli che entrano nel dettaglio del Piano di Emergenza e che saranno distribuiti ai cittadini. Ci saranno anche dei totem a 4 facciate che illustreranno, frazione per frazione, le zone a rischio e le aree di attesa e ricovero. Infine nei locali pubblici e nelle scuole saranno distribuite delle locandine con nozioni schematiche ma che invogliano a informarsi attraversi i canali ufficiali e istituzionali.
Si tratta di un’attività importante di prevenzione, un operato irrinunciabile che viaggia di pari passo con gli adeguamenti normativi in ambito di Protezione Civile e con la necessità di creare consapevolezza, invogliare la responsabilizzazione del cittadino e accrescere la resilienza del territorio. Il programma di comunicazione del Piano è strutturato in modo tale da coinvolgere più cittadini possibili e punta ad un target eterogeneo, coinvolgendo più fasce d’età.

Progetto scuola

Il materiale e la comunicazione saranno replicati nelle fiere (già il prossimo 20 ottobre) e nelle feste più importanti della città. Potranno essere utilizzati per organizzare anche incontri pubblici a tema. “Abbiamo già preso contatto con gli istituti scolastici per iniziare nei prossimi mesi il progetto scuola: il piano educativo e formativo prevede diversi incontri con i più giovani per avvicinarli al mondo del volontariato e per metterli a conoscenza del sistema di Protezione Civile. Abbiamo deciso di non sottovalutare nemmeno l’importanza che al giorno d’oggi svolgono i social media. Per la pagina ufficiale Facebook del Gruppo Comunale verranno studiate delle infografiche che conterranno delle informazioni che potranno essere veicolate anche a seconda delle esigenze di attualità; esempio: Arriva un allerta meteo per rischio neve? L’infografica spiegherà quali sono i comportamenti corretti da tenere nel caso specifico” spiega la Polizia locale canturina.

Leggi anche:  Como città della seta oggi la sottoscrizione nella rete internazionale

I commenti

Infine si stanno predisponendo i cartelli per la segnaletica di emergenza che indicheranno le aree di attesa e quelle di ricovero, dove, in caso di emergenza, i
cittadini dovranno recarsi su ordinanza dell’Autorità di Protezione Civile. “Come si può notare è un programma impegnativo e strutturato ma a cui non
potevamo e non volevamo sottrarci – commenta il Comandante la Polizia Locale e dirigente di Protezione Civile, Vincenzo Aiello – E’ stato possibile grazie alla sensibilità e alla disponibilità messe in campo dall’Ente e da questo Comando, ma soprattutto grazie alla preparazione e all’esperienza, a costo zero ma di valore altissimo, dei volontari del Gruppo Comunale che, nel 25esimo di fondazione, decide di fare un ulteriore passo avanti al servizio del cittadino”.

“Il Gruppo Comunale di Cantù ha dimostrato in tutti questi anni di essere un punto di riferimento per la popolazione sia durante le emergenze sia in svariate attività a sostegno della collettività – spiega il coordinatore dei volontari Luca Montorfano – Ora possiamo dare completezza al nostro servizio alla cittadinanza dedicandoci anche a quelle attività di comunicazione e divulgazione dei concetti di Protezione Civile, come l’autoprotezione e la prevenzione dai rischi. L’impegno sarà tanto ma la determinazione e l’entusiasmo non ci sono mai mancati”. “L’impegno e la dedizione che i volontari della Protezione Civile di Cantù mettono quotidianamente a disposizione della cittadinanza è encomiabile – dice l’assessore alla Sicurezza Maurizio Cattaneo – Ogni giorno scopro con piacere quanto contribuiscono alla crescita della comunità. Il progetto educativo e divulgativo del Piano di Protezione Civile, un documento di importanza vitale, rappresenta un ulteriore impegno al passo con i tempi. Ringrazio il coordinatore Luca Montorfano e il dirigente Vincenzo Aiello per aver saputo tradurre la mia visione di vicinanza al cittadino con un programma fatto di concretezza”.