Record di partecipazione alla Cena di Gala de La Nostra Famiglia di Bosisio Parini: la serata, che si è tenuta il 22 marzo, ha visto 135 persone presenti tra cui Beppe Bergomi con i ricordi Mundial. E’ andata molto bene la raccolta fondi: sono stati donati più di 52mila euro per le apparecchiature per la ricerca e per le esigenze dei piccoli e delle famiglie. Ma soprattutto non è mancato l’Oscar all’Amicizia a Theo Penati, protagonista di una cena stellata fin dalla prima edizione.

La Nostra Famiglia tra Oscar e maglie di campioni del calcio

La serata di fund raising è stata introdotta dai saluti della Direttrice Generale Regionale Francesca Pedretti. Il Direttore di Polo Damiano Rivolta ha invece spiegato l’utilizzo dei fondi raccolti: questi verranno impiegati per la Nirs, una nuova tecnica diagnostica non invasiva che utilizza la radiazione ottica per indagare in modo semplice e sicuro le funzioni cerebrali, per l’acquisto di letti per bambini e di poltrone letto per i genitori, per nuovi seggioloni e per tablet di ultima generazione per le attività riabilitative. Durante la cena un’asta ha aggiudicato ai migliori offerenti le maglie autografate di Dybala e Nainggolan e una sedia realizzata dagli allievi del Centro di Formazione Professionale.

“Sono tante le persone che voglio ringraziare – dichiara soddisfatto il responsabile della comunicazione dell’Associazione Giovanni Barbesino – anzitutto il novello Oscar all’Amicizia Theo Penati, che già scalpita per l’undicesima edizione; poi le aziende che ci sostengono con prodotti e premi e tutto il personale che opera per la buona riuscita della serata. Ringrazio moltissimo anche i nostri studenti del Centro di Formazione Professionale, che hanno curato l’allestimento dei tavoli e della sala”.

A Theo è stata consegnata una scultura, realizzata dall’artista e operatrice della Nostra Famiglia Marina Crippa, raffigurante la mitica statuetta del cinema: “Nel premio Oscar all’Amicizia c’è il senso della circolarità del bene” concludono la presidente Luisa Minoli con Carla Andreotti, ideatrice della manifestazione. “Noi ringraziamo Theo per la sua amicizia e lui per il decimo anno presta la sua arte per un’opera di bene”.

Leggi anche:  Guasti e malori, treni in ritardo: ancora un lunedì di passione per i pendolari

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU