Mariano ci sta a cuore: ecco il nuovo defibrillatore.

Mariano ci sta a cuore: ecco il nuovo defibrillatore

Una città cardio-protetta. Martedì 30 maggio alle 11 l’Amministrazione comunale ha inaugurato una nuova postazione con posa di un defibrillatore in teca. E’ avvenuto alla Piazza Mercato di via Kennedy. Un nuovo pezzo del puzzle, questa volta donato dagli ambulanti di Mariano Comense.

La mappa

Nel corso del mese di giugno sul territorio si conteranno 18 defibrillatori, 5 finanziati con bando Areu, 1 donato da Como Cuore e 1 appunto acquistato dagli ambulanti del mercato. «Dopo i palazzetti sportivi, le palestre e i campi da calcio riusciremo a coprire anche aree molto frequentate dalla cittadinanza. Come i cimiteri, il mercato, la zona antistante la stazione ferroviaria, il parco di via dei Vivai». Ha dichiarato Simone Conti, assessore ai Servizi sociali.

Il progetto

«Mariano ci sta a cuore» mette al centro la cultura del dono e la sensibilizzazione riguardo al tema della morte cardiaca improvvisa. Si tratta di una campagna permanente.  Ha l’obiettivo di collocare defibrillatori semiautomatici Dae in città . Ognuno può essere in grado, se opportunamente formato, di svolgere le prime manovre di soccorso, anche utilizzando un macchinario ad hoc.

Leggi anche:  La maxi piscina dei vip è a Parè: super gru per issarla FOTO E VIDEO

Le tempistiche

Per primi sono stati dotati del macchinario l’impianti di via Santa Caterina da Siena, il palazzetto di Perticato, la palestra di via per Cabiate e i campi da calcio sempre di via per Cabiate. In seconda battuta la palestra di via Sant’Ambrogio, la palestra di via dei Vivai e la palestrina dell’area delle feste. Poi è stato il turno anche degli oratori dove si allenano le polisportive. E adesso tocca ai luoghi pubblici. In questo modo il Comune ha ottemperato alla normativa che prevede che ogni sua struttura sportiva sia dotata entro il 2015 di defibrillatori, ma ha preso da subito lo slancio per fare di una prescrizione di legge il trampolino per creare un circolo virtuoso tra le associazioni cittadine. E’ nato infatti un comitato che segue da vicino il progetto sottoscritto con un protocollo da 31 associazioni.