Dopo aver incassato il no per l’utilizzo della casa consiliare a Grandate, il consigliere comunale Dario Lucca ha deciso di presentare un esposto al Prefetto.

Negato utilizzo sala consiliare a Grandate

Il consigliere grandatese aveva chiesto l’utilizzo della sala per una conferenza stampa di fine legislatura. “Mi hanno negato la sala che invece, come precisa il nuovo regolamento, dovrebbe poter essere usata per motivi di carattere politico straordinari. Io da capogruppo ho presentato un’istanza per l’utilizzo della sala e per fare un bilancio dei cinque anni in minoranza di “Grandate è il mio paese”. Inizialmente mi è stato risposto che non avevo rispettato i 10 giorni che ci vogliono tra la richiesta e l’evento. Ho quindi riforumlato la domanda ma non ho avuto la sala perché, a detta del sindaco, la pubblica Amministrazione non può fare campagna elettorale in sala consiliare”.

Quindi l’attacco: “Farò questa conferenza in un altro luogo, ma trovo che questa sia un’ingiustizia. Per questo ho deciso di scrivere al Prefetto”.

L’esposto al Prefetto

“Richiamato per intero l’art. 9, comma 1 della Legge 28/2000 (“…dalla data di convocazione dei comizi elettorali e fino alla chiusura delle operazioni di voto è fatto divieto a tutte le Amministrazioni Pubbliche di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l’efficace assolvimento delle proprie funzioni”). Considerato che, ai sensi di legge e con giusto richiamo all’art. 16, comma 1 dello statuto comunale di Grandate (“Il consigliere comunale esercita le proprie funzioni senza vincolo di mandato”), il sottoscritto è Consigliere comunale e capogruppo di un Gruppo Consiliare in carica sino al 27 maggio p.v. Tutto ciò premesso e alla luce di tutti le autorizzazioni concesse negli ultimi 45 giorni direttamente dall’Ufficio del Sindaco (che è pure candidato alle prossime elezioni) a tutti gli eventi passati, presenti e futuri (concerti, conferenze organizzate e/o patrocinate dalla stessa Amministrazione comunale, e/o aperi-cene salate, aperi-voto e aperi-dolci saluti direttamente nelle sale di rappresentanza del Palazzo comunale, ecc);

Leggi anche:  Raffigurazioni e interpretazioni mariane: incontro in Pinacoteca

Vista la negazione all’utilizzo della sala consiliare come da comunicazione prot. n. 2885 del 14.05.2019 che si allega per un evento di carattere politico del Gruppo consiliare; con la presente si reitera la domanda per organizzare una CONFERENZA STAMPA tenuta dal Capogruppo consiliare e aperta a giornalisti per il giorno 23 maggio 2019 dalle ore 20 alle ore 23 nella sala delle adunanze del Consiglio Comunale che, stando al vigente regolamento sul funzionamento delle sale di rappresentanza dell’Ente (delibera del C.C. n. 22 del 13.10.2018), è concessa appunto ai Gruppi Consiliari costituti per attività finalizzate ad eventi di carattere politico straordinario. Si chiedono altresì di conoscere le motivazioni dell’autorizzazione concessa il 24.04.2019 dall’Ufficio del Sindaco alla Fondazione Scuola dell’Infanzia “Achille Brioschi” (prot. n. 2383 del 18.04.20199 per l’evento di sabato (pomeriggio e sera) 25 maggio p.v. (GIORNATA DEL SILENZIO ELETTORALE previsto dalla normative di legge) con 3 dei 5 membri del Cda della Fondazione stessa candidati alle Elezioni Amministrative del giorno successivo”.