“A Monteolimpino, in via Castel Carnasino, c’è l’Istituto clinico Villa Aprica che da poco ha anche inaugurato il nuovo autosilo, con tanto di cerimonia e presenza istituzionale del sindaco Landriscina, ma in tutta la zona non esiste nemmeno l’ombra di un cartello che segnali la presenza dell’ospedale”. Una denuncia che parte dal Partita Democratico.

Ospedale Monteolimpino “Sparita la segnaletica stradale”

A parlare è Barbara Cereghetti, segretaria del Circolo Pd di Como Nord. “Veramente uno c’era, ma ora non lo vediamo più: alcuni residenti mi riferiscono che è stato tolto dopo che un automobilista ci è andato a sbattere contro. Da qualche tempo gli automobilisti ci fermano per avere indicazioni per trovare la strada per l’ospedale. Quindi, mi sono recata dove sapevo ci fosse l’unico cartello e ho constatato che non c’è più. Poiché la presenza di un ospedale è molto importante, ho deciso di mettermi dei panni di un qualunque cittadino che proviene da fuori zona e ho percorso le principali vie che portano all’imbocco della via Castel Carnasino. Il risultato è stato ciò che accade ogni giorno e che ho constatato di persona: se non chiedi indicazioni ai pedoni della zona non ci arrivi”.

Leggi anche:  Mario Balotelli multato in Svizzera: stop alla patente

Poi, prosegue la segretaria dem: “Dall’uscita dell’autostrada di Monteolimpino fino a Villa Olmo, in entrambe le direzioni di marcia non si trova alcun cartello, alcuna indicazione e di incroci se ne incontrano parecchi! Nelle vicinanze sono invece comparsi due cartelli che indicano il nuovo parcheggio a pagamento (‘Autosilo di Villa Aprica’) senza nemmeno la dicitura dell’ospedale. Ma chi non è del posto e quindi non lo sa, non penserà mai che si tratti del parcheggio della clinica”.

Cereghetti fa risalire tutto al riordino della viabilità della zona per l’apertura dell’Iperal, ormai un anno fa: “Sono stati posizionati dei nuovi cartelli stradali che indicano solo la direzione da prendere per recarsi all’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia, ma non per Villa Aprica che si trova a 500 metri in linea d’aria. Auspico, dunque, che si intervenga celermente per risolvere questa grave mancanza rimettendo in primis il cartello che è stato tolto e poi incrementando l’altra segnaletica. Mi pare appena il caso di ricordare che chi si reca in ospedale per delle visite non ha certo voglia di fare una caccia al tesoro prima di potervi arrivare”.

TORNA ALLA HOME E GUARDA TUTTE LE ALTRE NOTIZIE IN MENU