“In 7 giorni raccolte più di 1000 firme e ora coinvolgiamo i consigli comunali comaschi con una mozione”. Continua con forza e determinazione la campagna di mobilitazione per la revisione dell’accordo di programma del parcheggio dell’Ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia. (Clicca qui per saperne di più).

Ospedale Sant’Anna raccolte 1000 firme in 7 giorni per la petizione sul parcheggio

La Petizione, sostenuta dalle prime 1000 firme raccolte, da oggi viene rafforzata da una mozione destinata ai consigli comunali comaschi. “Questa iniziativa sta raccogliendo sostegno trasversale, perché è evidente che va oltre i colori dei partiti e punta, con buon senso, al bene dell’intera comunità comasca. Infatti, sono già mille le firme raccolte dopo una settimana sia online sia su carta. Molte altre ne arriveranno, perché i nostri iscritti  hanno capito l’importanza di questo tema. Chiediamo infatti una revisione alla convenzione che regola l’utilizzo del parcheggio dell’ospedale Sant’Anna, affinché una parte degli introiti siano investiti per interventi nelle strutture ospedaliere comasche” spiega Angelo Orsenigo, consigliere regionale che ha avviato e sostenuto la petizione, insieme con il Gruppo regionale del Partito democratico.

La mozione ai Consigli comunali

L’iniziativa si rafforza con l’invio a tutti i Consigli comunali della provincia di Como di una mozione per chiedere di sostenere la causa: “Occorre andare oltre i campanilismi e i partiti perché questa la sanità riguarda tutti i cittadini” continua Orsenigo. Si chiede così l’impegno diretto dei presidenti di Regione Lombardia, Attilio Fontana, e della Provincia di Como, Fiorenzo Bongiasca, nel Collegio di Vigilanza degli enti coinvolti nella realizzazione dell’ospedale Sant’Anna a San Fermo della Battaglia.  L’obiettivo è ottenere a una differente gestione del parcheggio a servizio dell’ospedale, che tenga conto del beneficio collettivo, che preveda il miglioramento delle soluzioni di sosta disponibili a utenti, visitatori lavoratori dell’ospedale, la riduzione delle tariffe e la destinazione dei proventi della gestione del parcheggio a favore dell’ASST Lariana per investimenti di miglioramento delle strutture ospedaliere e sanitarie, a partire dal pronto soccorso di San Fermo, e per rendere il parcheggio dell’ospedale Sant’Anna maggiormente sicuro e agibile, in particolare ai soggetti delle categorie più deboli, tramite un collegamento più diretto tra area di sosta e interno del nosocomio.

Leggi anche:  Dà in escandescenza all'ospedale Sant'Anna: arrestato

“Serve più attenzione a pazienti e personale”

“Il parcheggio dell’ospedale Sant’Anna frutta ogni anno più di un milione di euro, ma neanche un centesimo è investito nell’ospedale, che invece necessita di tanti interventi migliorativi, serve razionalizzare gli spazi per creare nuovi posti letto a partire dal pronto soccorso. Lo stesso parcheggio deve essere urgentemente ripensato con un’attenzione più alta ai pazienti e al personale. E’ facile pensare che con un milione di euro in tasca ogni anno anche le altre strutture ospedaliere potrebbero beneficiare di risorse aggiuntive” conclude Orsenigo.