Papà della bellissima Arielle, 2 anni ancora da compiere e già un sorriso da fare invidia, e fidanzato con Kristyna, ragazza bionda e solare proveniente dalla Repubblica Ceca. Prima di essere un giocatore di pallacanestro, Jeremiah Wilson, ala grande in forza all’Acqua S.Bernardo Cantù, è un padre molto affettuoso che, compatibilmente ai tanti impegni sul parquet, cerca sempre di dedicarsi alla famiglia. Una famiglia che, proprio in Italia, si è allargata con la nascita della piccola Arielle, avvenuta un anno e nove mesi fa in quel di Imola, quando Wilson vestiva la casacca biancorossa dell’Andrea Costa Imola Basket, stagione 2017-’18.

Jeremiah Wilson: “Il mio mito è Michael Jordan”

La famiglia Wilson è un bel mix di nazionalità e di culture differenti: Jeremiah è nato e cresciuto negli Stati Uniti, a Chicago, nell’Illinois, ed è in possesso della cittadinanza portoghese, che peraltro gli permette di giocare per la Nazionale lusitana, con cui il lungo classe 1989 disputerà ad agosto le qualificazioni ai prossimi campionati europei. “Mia figlia è nata in Italia – racconta la nuova ala biancoblù -, dunque è naturale che io sia particolarmente legato a questo Paese. Le persone, il cibo, mi piace tutto dell’Italia. Lo stesso vale per l’atmosfera che si respira nei palazzetti o nelle città, qui il basket è molto sentito”.

Leggi anche:  Dal 23 al 25 agosto a Rogeno la sesta edizione di "A tutta birra"

E, a proposito di atmosfere, Wilson si sofferma su quella che presto imparerà a conoscere e ad apprezzare: “Conosco un po’ la storia della Pallacanestro Cantù e so bene che si tratta di una piazza importante. Inoltre, ho sentito dire che al PalaDesio si respira un bel clima e che i tifosi canturini sono tra i migliori in Italia. A questo punto non vedo l’ora di conoscerli”.

In Brianza, il lungo di passaporto portoghese ritroverà il giovane pivot padovano Alessandro Simioni, con il quale Wilson ha giocato un campionato intero un paio di stagioni fa: “Alessandro è il mio piccolo grande fratellino. A Imola abbiamo vissuto una bella stagione e trascorso dei bei momenti. Sono orgoglioso di lui e del percorso cestistico che ha fatto. Condividiamo dei ricordi molto belli e sono pronto a giocare di nuovo insieme”.

Sulla fonte di ispirazione di Wilson, infine, ci sono pochi dubbi: “Essendo nato e cresciuto
a Chicago, il mio idolo è sempre stato Michael Jordan e non potrei dire altrimenti.
Oggigiorno, però, i miei preferiti sono LeBron James e Kevin Durant. Dettò ciò, per me
“MJ” resta il numero uno”.